Nelle nostre interazioni social capita spesso che gli utenti chiedano dettagli sulla nostra piattaforma e, più in generale, informazioni per utilizzare al meglio i SEO Tool per i propri progetti sul Web. Oggi dunque andiamo ad approfondire un tema specifico, ovvero perché serve una SEO Suite e perché SEOZoom può rappresentare una scelta ideale per chi ha attività in Internet.

Le attività per migliorare il posizionamento su Google

Già nelle scorse settimane abbiamo fornito una definizione molto basilare di SEO nell’articolo dedicato ai consigli per ottimizzare un sito Web, sintetizzando che la Search Engine Optimization rappresenta il complesso di attività utili a mettere a punto pagine e contenuti presenti su un sito con la finalità di migliorare il posizionamento nei risultati organici di Google, intercettando le scansioni dei crawler, le intenzioni degli utenti e, in definitiva, l’azione degli algoritmi dei motori di ricerca. Un insieme complesso di interventi, da compiere sia onpage che offpage, in cui è spesso è facile “perdersi”.

Gli strumenti per tutti gli interventi SEO

Il primo compito di una Suite SEO Tool è proprio quello di semplificare la gestione di queste complesse attività, consentendo agli utenti di poter avere a portata di mano dati, informazioni, strumenti per monitorare l’andamento del traffico dei siti web, ma anche per scoprire e analizzare gli eventuali errori presenti sul sito (come presenza di link rotti, errori 404 o di configurazione di reindirizzamento 301), per studiare le mosse dei competitor (quali sono le parole chiave più performanti e quali sono stati i contenuti vincenti), per verificare il profilo backlink e per ottimizzare i contenuti testuali. Se a questo aggiungiamo poi i focus specifici sulle keyword e la possibilità di poter preparare un piano editoriale di copywriting SEO, da condividere anche con gli stessi copy, descriviamo solo una parte delle funzioni presenti in SEOZoom!

I vantaggi di SEOZoom, una SEO Suite completa ed efficiente

In estrema sintesi, SEOZoom è una SEO Suite che racchiude oltre 40 funzionalità sempre aggiornate che consentono di ottenere un altissimo numero di informazioni su siti web, keyword e nicchie di mercato, con indicazione delle soluzioni per migliorare il rendimento di parole chiave specifiche e analisi delle performance del sito. Già da questa descrizione si intuisce che si tratta di uno strumento di business intelligence che dà accesso a statistiche, dati, grafici che sono fondamentali nelle attività di decision marketing e strategiche per il monitoraggio della concorrenza, con interfacce facili e intuitive che consentono al SEO e ai suoi collaboratori di avere sotto controllo la maggior parte delle informazioni utili per sviluppare e migliorare un progetto online. Inoltre, come descritto in vari articoli di presentazione della piattaforma, SEOZoom rende disponibili dati di benchmark avanzati per analizzare i volumi di traffico dei siti presenti in SERP e le keyword per le quali sono posizionati su Google, e il motore fornisce consigli utili per la creazione di testi che siano in grado di competere con quelli dei siti posizionati nelle prime posizioni dei motori di ricerca.

Mezzo miliardo di keyword monitorate, e non solo

Quando definiamo SZ la suite SEO e di Web Marketing numero uno nel mercato italiano non lo facciamo per vanagloria: attualmente è in grado di fornire informazioni su oltre 500 milioni di keyword italiane, ma il database è in costante aggiornamento e ampliamento, e altrettanto performanti sono gli altri strumenti, che completano il ventaglio di opzioni a disposizione degli utenti. Parliamo, come detto, di tool specifici per analizzare e gestire i propri siti e blog online, per raccogliere i dati necessari a ottenere maggiore visibilità e posizionamento sui motori di ricerca, potenziare le campagne di Search Marketing e Keyword Research, ma anche funzioni per sotto controllo informazioni fondamentali come analisi, monitoraggio e comparazione dei volumi di traffico, nicchie di mercato, studio delle parole chiave e confronti con la concorrenza per individuare nuove opportunità, oltre che possibilità di eseguire un vero e proprio report SEO sullo stato di salute del sito web o un SEO Audit per approfondire più in dettaglio le problematiche sulle performance relative all’ottimizzazione per i motori di ricerca.

La versatilità di SEOZoom e i punti di forza

Se la versatilità è un grande vantaggio per gli utenti, un altro punto di forza di SEOZoom, possiamo dirlo con un pizzico di orgoglio e di “presunzione”, sta nella sua costante ottimizzazione: la nostra macchina non sta mai ferma ma continua a evolversi, raccogliendo anche le indicazioni di chi quotidianamente e concretamente utilizza la suite. Ad oggi, ad esempio, il motore backlink della suite ha superato i 6,5 miliardi di backlink italiani, ma il team di sviluppo prosegue nel suo lavoro e ha riscritto motori, infrastruttura database e anche la parte software del frontend aggiungendo molte funzionalità utili per valutare la qualità dei link. Sono stati anche riscritti gli spider per i backlink, consentendo al sistema di scansionare circa 60mila URL al minuto e quindi di visualizzare più velocemente i backlink ricevuti dai siti.

Le funzioni più innovative di SEOZoom

E ancora non è tutto: negli ultimi mesi SEOZoom ha esteso ancor di più le sue capacità, aggiungendo strumenti come la Time Machine (che consente di monitorare i cambiamenti di traffico e di posizionamento dei siti online in un arco di tempo preciso, per confrontare la situazione passata e quella presente, scoprire i contenuti più performanti e quelli che hanno subito calo e, non meno importante, verificare le prestazioni e le strategie dei competitor nello stesso periodo), un plugin per WordPress (che offre immediatamente suggerimenti per il SEO copywriting) e, una delle feature più recenti, la SEOZoomBar, una toolbar compatibile con i principali browser che offre informazioni “SEO Oriented” come i rendimenti delle URL su ogni pagina web, utilizzando le metriche della suite, e una visualizzazione già nel corso di una ricerca su Google dei principali valori che riguardano il sito in questione.

Le nuove metriche per chi lavora sul Web

Altri elementi al 100 per cento made in SZ che rappresentano piccoli “fiori all’occhiello” sono le metriche pensate e sviluppate per semplificare la vita degli operatori del Web: parliamo in modo specifico della Keyword Difficulty e della Keyword Opportunity, che servono a scoprire le stime rispettivamente della difficoltà di posizionamento per una determinata parola chiave e delle potenzialità invece di posizionarsi (entrambe le metriche sono sviluppate attraverso una serie di fattori, come spiegato in questo articolo) e della Zoom Authority. Quest’ultimo valore, in particolare, è stato introdotto per consentire di analizzare immediatamente lo stato di salute di un sito web e il suo rendimento nelle ricerche su Google e rappresenta, a tutti gli effetti, una classificazione del dominio all’interno dell’intero panorama web; per rendere ancora più immediato il “quadro”, nella suite è presente anche uno specifico Osservatorio Zoom Authority, che indica la distribuzione dei domini presenti in SEOZoom nelle varie fasce di Zoom Authority, da quelli che sono nel range inferiore (ZA da 0 a 10) ai top che raggiungono il rarissimo valore compreso tra 91 e 100. Solo per fare un esempio, ad oggi nella fascia più bassa si trovano 61.631.953 di siti (oltre 61,6 milioni di siti!), mentre nella categoria di eccellenza rientrano appena sei siti.

 

Abbiamo acceso la tua curiosità? Allora prova subito la suite: accedi qui per provare le funzionalità.

GM