Google Discover Search Console, cos’è e come funziona

In queste ore, i proprietari di siti collegati a Google Search Console stanno ricevendo un messaggio che notifica il lancio ufficiale di un nuovo report collegato a Google Discover, il servizio che nei mesi scorsi ha sostituito Google Feed e che è stato lanciato con l’obiettivo di migliorare la user experience di quanti utilizzano Google Search.

Che cos’è Google Discover

Il Webmaster Central Blog di Google riassume brevemente che cos’è Discover, definendolo un sistema popolare per gli utenti di restare aggiornati su tutti i loro argomenti preferiti, anche quando non effettuano ricerche. Come accennato, Discover è il nuovo nome attribuito a Google Feed che mostra i topic e le notizie relative agli articoli di interesse, come news sulla squadra del cuore o temi di attualità e cronaca, senza necessità di utilizzare ogni volta la ricerca di Google e lanciare query.

Google Discover

Come funziona Google Discover da mobile – https://webmasters.googleblog.com/

Come funziona Google Discover

Pensata per gli utenti mobile, la “Discover experience” si vive attraverso l’app Google, sulla home page mobile di Google.com oppure scorrendo il dito direttamente dalla schermata iniziale sui telefoni Pixel. Dal lancio avvenuto nel 2017 il servizio ha avuto una crescita significativa e ora, secondo Big G, aiuta oltre 800 milioni di utenti attivi al mese a trovare ispirazioni ed esplorare nuove informazioni mostrando loro articoli, video e altri contenuti sugli argomenti che più rispondono ai loro interessi.

I contenuti su Google Discover

I contenuti in Discover non sono limitati alle news o agli argomenti di strettissima attualità, perché il servizio naviga il “meglio” del Web a prescindere dalla data di pubblicazione, fornendo agli utenti segnalazioni su ricette, storie di “human interest“, video di moda e così via.

Come apparire in Discover

Per l’inclusione in Discover i siti non devono utilizzare tag speciali o particolari dati strutturati, perché il sistema si basa semplicemente sugli algoritmi di Google: in pratica, le pagine sono idonee se Google le indicizza e se rispondono alle norme relative ai contenuti di Google News. Il ranking dei contenuti di Discover deriva dalla valutazione della qualità dei contenuti e della corrispondenza tra i contenuti della pagina e gli interessi dell’utente, che hanno la possibilità di seguire direttamente gli argomenti suggeriti e di interagire con Google per segnalare se desiderano vedere più o meno notizie correlate a un argomento specifico.

Cos’è il Google Discover Report in Search Console

Il nuovo Discover report in Search Console è disponibile per i siti che hanno accumulato una significativa visibilità in Discover, con dati mostrati fino a Marzo 2019. Secondo i Googlers Michael Huzman e Ariel Kroszynski, che hanno firmato l’articolo sul Webmasters Blog, il report può essere utile per capire come ottimizzare la strategia dei contenuti offerti sui siti e aiutare gli utenti a scoprire informazioni coinvolgenti, sia nuove e di attualità che evergreen.

I dati su Discover in Search Console

Il rapporto sul rendimento per Discover (la traduzione italiana disponibile per questo servizio) risoffre informazioni che riguardano la frequenza con la quale un sito viene visualizzato dagli utenti e quale traffico generano queste visite, quali contenuti hanno il miglior rendimento, quali sono le differenze tra le performance su Discover e i tradizionali risultati di ricerca. Si tratta di importanti metriche riguardanti le prestazioni del sito e il traffico su Discover e, per il momento, è visibile solo se la proprietà ha raggiunto una soglia minima di impressioni sul servizio di Google negli ultimi 16 mesi.

Come funziona il report Discover

Il nuovo report aggiunto in Google Search Console serve a condividere statistiche pertinenti sul traffico di Discover: la visualizzazione predefinita mostra clic, impressioni e CTR (percentuale di clic) media per la proprietà, ma con molte possibilità di personalizzazione, di filtro dei dati e di confronto tra gruppi di dimensione. Google segnala che “tutte le metriche della pagina sono assegnate all’URL canonico e non alla pagina in cui l’utente viene indirizzato quando fa clic su un risultato di Discover” e, quindi, nel caso di siti con pagine AMP e desktop ci saranno valori relativi solo alla proprietà desktop, che in genere è quella canonica.

Come interpretare le metriche in Discover

Come detto, il report di Discover in Search Console mostra tre tipologie di metriche – impressioni, posizione e clic – che Google ha provveduto a definire. L’URL di un link registra un’impressione quando appare in un risultato di ricerca di un utente e l’utente apre la pagina contenente questo risultato; la posizione riguarda appunto il modo e il luogo in cui un elemento viene mostrato nella pagina dei risultati di ricerca di Google, e quindi link tradizionali della SERP, carosello AMP, riquadro informazioni, schede Knowledge Graph, featured snippet eccetera.

La posizione e il clic per Google Discover

Al momento, Google calcola la posizione dall’alto verso il basso e da sinistra verso destra (questa regola generale vale a prescindere dalle variabili come tipo di dispositivo utilizzato, funzioni di ricerca e dimensioni del display) e il valore di posizione “indica la posizione del link più in alto nei risultati di ricerca che conduce al tuo sito o a una delle tue pagine, calcolato come media tra tutte le query in cui è apparso il tuo sito” e viene registrato solo se il link riceve un’impressione.

L’ultimo dato segnalato è quello dei clic, che sono le interazioni dell’utente sulla pagina: per Google, “ogni clic che indirizza l’utente a una pagina esterna alla Ricerca Google è contato come un clic, a differenza dei clic su link che fanno rimanere l’utente all’interno dei risultati di ricerca”, che vengono definiti perfezionamento query.

L’importanza del report Discover

È facile immaginare l’utilità di questo nuovo report per SEO, webmaster e sviluppatori, che hanno quindi uno strumento preciso per avere informazioni sulla visibilità e sulle performance di Google Discover. Inoltre, ogni metodo per approfondire le dinamiche del traffico che un sito riceve da Google è fondamentale per adattare e ottimizzare la propria strategia di marketing. Nel caso specifico, sapere che i feed di Google Discover stanno facendo aumentare la quantità di traffico può essere un’indicazione decisiva per orientare gli sforzi in questa direzione e ottenere risultati ancora migliori.

GM

Redazione

This entry has 0 replies

Scopri subito tutte le funzionalità di SEOZoom!