Arriva E-E-A-T: Google aggiunge l’Esperienza ai criteri di qualità

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Addio E-A-T, la sigla che ormai da anni eravamo abituati a usare in riferimento al modo in cui Google e i suoi quality raters valutano se le pagine forniscono informazioni utili e pertinenti: il 15 dicembre Google ha infatti rilasciato un nuovo aggiornamento delle linee guida ufficiali per i suoi valutatori di qualità con cui introduce un’altra lettera – o per meglio dire un altro criterio, la E di Experience. Da ora in poi, quindi, dobbiamo imparare a pensare a E-E-A-T, acronimo che racchiude esperienza, competenza, autorevolezza e affidabilità del sito e degli autori dei contenuti.

Quality Rater Guidelines di Google, l’aggiornamento del 15 dicembre 2022

A distanza di appena quattro mesi e mezzo da luglio 2022, Google ha quindi aggiornato le sue linee guida per i search quality raters per la seconda volta dell’anno, apportando alcune modifiche sostanziali a EAT, come vedremo, ma non solo.

Come premessa sempre utile, ricordiamo (come peraltro fanno anche gli annunci di Big G) che le linee guida sono il manuale utilizzato dai quality raters come bussola per valutare le prestazioni dei vari sistemi di ranking di Ricerca di Google e non influenzano direttamente il ranking, ma sono anche utili per chi cura/gestisce un sito per capire come autovalutare i propri contenuti per avere successo nella Ricerca Google.

In generale, il documento revisionato è ora più lungo di circa nove pagine, raggiungendo le 176 pagine rispetto alle 167 pagine della versione precedente. Come sintetizza l’appendice finale di changelog, la versione di dicembre 2022 introduce in particolare le seguenti modifiche:

  • Concetti e criteri di classificazione ampiamente aggiornati nella “Parte 1: Linee guida sulla qualità della pagina” per renderli più esplicitamente applicabili a tutti i tipi di siti Web e modelli di creazione di contenuti.
  • Indicazioni chiarite su “Trovare chi è responsabile del sito web e chi ha creato il contenuto della pagina” per i diversi tipi di pagina web.
  • Aggiunta tabella di riepilogo con le principali “Considerazioni sulla qualità della pagina” coinvolte nella valutazione PQ, che portano a ciascuna sezione di valutazione PQ (dal più basso al più alto).
  • Linee guida perfezionate/ampliate sui seguenti pilastri fondamentali della valutazione della qualità della pagina:
    • “Qualità del Main Content”
    • “Reputazione per siti Web e creatori di contenuti”
    • “Esperienza, competenza, autorevolezza e fiducia (EEAT)”
  • Sezioni di valutazione