Consigli per SEO Copywriting: come gestire il lavoro

I nostri approfondimenti sul mondo della Search Engine Optimization oggi ci portano a focalizzare l’attenzione sui consigli per SEO copywriting, e in modo particolare sugli strumenti che possono favorire e agevolare la gestione del lavoro da parte di un copy. Se in passato ci siamo concentrati soprattutto sul versante degli “editori” o abbiamo fornito spunti per lo più teorici per la scrittura SEO, con questo articolo affrontiamo il tema in maniera più pratica.

I primi consigli per SEO copywriting

In generale, comunque, il primo consiglio che si può offrire a chi deve scrivere un articolo SEO è un vecchio “adagio”: per migliorare la scrittura bisogna fare pratica, leggere e scrivere di più. Bisogna cioè essere curiosi e continuare a formarsi e formare il proprio stile, tenere gli occhi aperti sulle ultime tendenze, dare uno sguardo alle news e ai social, provare magari a carpire i segreti di scrittura di altri professionisti per poi mettersi alla prova e limare i propri errori.

Anche Google valuta il fattore umano

Ma perché è tanto importante concentrarsi sul miglioramento personale? Torniamo a parlare di quel valore della “qualità” che tante volte abbiamo citato come elemento principale per la efficacia di un testo, attraverso l’espressione “scrivere contenuti di qualità” che ormai è un mantra per chiunque operi in ambito SEO. Negli ultimi tempi, nelle community di esperti si sta facendo largo la convinzione che Google abbia definitivamente virato su nuovi criteri per valutare gli articoli in ottica ranking, prendendo in considerazione quello che è stato chiamato paradigma EAT, vale a dire valutando Esperienza, Autorevolezza e Affidabilità (dall’inglese che Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness) che riguardano sia il sito che lo stesso autore.

Il nuovo paradigma EAT di Google

Che sia una rivoluzione già avviata o qualcosa in procinto di avvenire, sembra comunque evidente che anche Google tiene in forte considerazione il “fattore umano” anche per classificare i contenuti (dopo quanto già scritto sulle evoluzioni del search intent), al punto che in tanti hanno sintetizzato questo processo con l’espressione “Google non sembra dare più tanta importanza a quello che dici, ma premia molto di più chi lo dice”. Insomma, anche nell’epoca digitale e nel mondo virtuale l’aspetto umano ha ancora un valore importante e può fare la differenza nel raggiungere l’obiettivo finale di ogni articolo o pagina Web: incremento del posizionamento di sito e keyword, miglioramento del traffico organico, introiti.

Come scrivere un articolo SEO

Lavorare su se stessi, specializzarsi come copywriter e, ancor più nello specifico, come SEO copywriter può dunque essere uno sbocco importante anche per una carriera professionale. Torniamo dunque ai consigli per il SEO Copywriting, iniziando ad affrontare il pericolo pubblico numero uno, il classico panico da “pagina bianca” che colpisce spesso gli aspiranti scrittori ma anche i professionisti più scafati. Per evitarlo si può cominciare da un’operazione di tipo programmatico, ovvero pianificare il lavoro in modo oculato, ipotizzando una scaletta e una struttura standard che ci porterà alla realizzazione dell’articolo SEO oriented, prestando attenzione a quattro aspetti prioritari:

  • Un titolo, per comunicare l’argomento in maniera sintetica ma precisa.
  • Un’introduzione, per riassumere sin dall’inizio il contenuto della pagina.
  • Un testo strutturato per sezioni tematiche.
  • Citazioni esterne e risorse addizionali per offrire al lettore spunti di approfondimento.

La piattaforma copy di SEOZoomIl Piano Editoriale Copy di SEOZoom

Da qualche tempo, in SEOZoom è stata creata una sezione apposita per chi lavora in quest’ambito, che consente ai copywriter freelance di iscriversi al “Piano Editoriale” e di sottoporre la propria candidatura come esperto di un determinato settore, concorrendo (per così dire) nella selezione da parte di un editore che necessità di contenuti per i propri progetti. Il primo aspetto che salta agli occhi è che il piano editoriale copy di SEOZoom presenta una dashboard molto simile a quella dedicata agli editori: subito si nota lo specchietto che sintetizza lo stato di tutti gli articoli (ricevuti, consegnati, accettati e via così) e sotto il filtro su base mensile. Nella parte centrale, poi, c’è il “cuore” dello strumento, l’elenco di tutti gli articoli con indicazione delle informazioni correlate come titolo, data di consegna, progetto, keyword e così via.

Uno strumento che semplifica il lavoro del copy

Andando a cliccare su un singolo articolo si apre una schermata che definire utile è forse riduttivo: in pratica, SEOZoom prende per mano il copy e lo accompagna nella realizzazione dell’articolo, offrendogli anche una serie di strumenti di ottimizzazione del testo lato SEO. Questo tool è un vero e proprio assistente editoriale a tutti gli effetti, che fornisce anche suggerimenti sulla lunghezza del title o della description da utilizzare, da memo per l’inserimento all’interno degli articoli degli heading  h1, h2 eccetera, ma anche indicazioni più specificamente legate alle necessità dell’editore. Come detto in un articolo precedente, l’editore segnala al copy tutte le specifiche a cui si deve attenere, e l’editor di testo segnala in corso d’opera l’inserimento delle parole chiave impostate, aiutando l’autore a scrivere in modo SEO oriented.

Indicazioni e consigli per SEO copywriting

Dicevamo qualche tempo fa che spesso c’è un gap di comunicazione tra editori e copywriter, che nasce ad esempio perché i primi difettano nel riferire a pieno le “intenzioni” e i secondi non hanno competenze realmente efficaci in ottica SEO. Con lo strumento del Piano Editoriale SEOZoom può aiutare a limitare gli errori, accompagnando i copy in tutte le fasi del processo creativo, ma lasciando comunque e inevitabilmente uno spazio vuoto. Vale a dire, la parte che resta ancora (e forse per fortuna) affidata alla singola esperienza e capacità, ovvero la scrittura vera e propria, la ricerca delle fonti, la gestione del contenuto.

GM

Redazione

This entry has 0 replies

Scopri subito tutte le funzionalità di SEOZoom!