Come gestire i featured snippet di Google per non perdere clic

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Sono trascorsi poco più di due mesi da quando Google ha annunciato una modifica sostanziale nella gestione dei featured snippet, che dalla fine dello scorso gennaio hanno smesso di essere risultati zero perché è stata avviata la deduplicazione dei risultati. Alcune ricerche negli Stati Uniti hanno provato a far luce su come sono cambiati SERP e risultati dei siti, con consigli di ottimizzazione utili per cercare di migliorare le nostre performance.

Featured snippet, utili o dannosi per i siti?

Il tema dei vecchi risultati zero è uno tra i più controversi della SEO, perché le opinioni in merito sono contrastanti: da un lato c’è chi sostiene che rubino traffico ai siti, dall’altro chi invita invece a sfruttarli come occasione ulteriore di visibilità.

La certezza, che arriva da alcune analisi, è che quasi il 15 per cento di tutte le ricerche su Google fa apparire uno snippet in evidenza, con modalità non sempre “chiare” anche per il sito premiato. Ad esempio, storicamente la maggior parte dei featured snippet proveniva da siti posizionati nella top3 di Google, ma dopo la deduplicazione c’è più “varietà” e sono presi anche risultati che prima erano semplicemente in prima pagina.

Come dicevamo, l’aspetto critico del topic è capire quanto la funzione possa effettivamente dare benefici: per molti, in realtà, con i featured snippet Google sottrae traffico ai contenuti di qualità dei siti, perché quando le persone ottengono le informazioni necessarie immediatamente mostrate in SERP non hanno più bisogno di approfondire il tema facendo clic su una pagina.

Diversa la percezione di altri esperti, che evidenziano gli aspetti positivi della feature, ritenuta una opportunità per rafforzare il marchio e fare branding awareness: negli snippet in evidenza ci sono immagini, descrizioni e indicazione dell’Url (quindi potenzialmente possiamo sempre conquistare un clic), e la sua posizione preminente in SERP aiuta a rendere più memorabile e affidabile il sito agli occhi degli utenti

A prescindere da questi ragionamenti quasi filosofici, ciò che è importante per chi opera online è provare comunque a trovare nuove opportunità per raggiungere gli obiettivi di audience e business che ci siamo prefissati, anche attraverso l’eventuale ottimizzazione dei contenuti per conquistare clic.

Lo studio sulla spot-zero termination

Lo scenario classico della funzione è stato stravolto da circa due mesi, ormai, e si può provare a capire quali sono le conseguenze del fenomeno definito spot-zero-termination, che interessa i siti che prima comparivano in SERP sia con un featured snippet che con un classico URL posizionato regolarmente. Dopo la modifica, Google mostra un solo risultato (lo snippet in evidenza) e ha spo