CTR organico, nuovo studio sul valore del ranking su Google

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Torniamo a parlare di posizionamento su Google e, in particolare, del valore del CTR sui risultati presenti in SERP del motore di ricerca più usato al mondo: se nei mesi passati era stata una ricerca di AdvancedWebRanking a svelare il rapporto tra ranking e clic, ora invece è stato Brian Dean di Backlinko a pubblicare gli esiti di un lungo studio, che ha coinvolto 5 milioni di query su Google e quasi 900 mila pagine di risultati.

Un’analisi a tutto tondo sui fattori di CTR

Come spiega in dettaglio il lungo post sul blog della compagnia, Backlinko ha studiato anche alcuni parametri relativi all’ottimizzazione dei contenuti SEO, come la lunghezza dei titoli, le meta descrizioni, il sentiment, cercando di scoprire se e in quale modo tali fattori possano influenzare il tasso di clic. Sono dieci i punti salienti che emergono dal report, ognuno dei quali analizzato in maniera più approfondita per offrire spunti utili a chi organizza le proprie strategie nella SEO e cerca di migliorare le prestazioni del proprio sito.

Il valore della prima posizione su Google

Il primo dato evidenziato dallo studio riguarda il peso del risultato numero 1 in SERP: il primo link blu nei risultati di ricerca organici di Google conquista in media il 31,7 per cento dei clic da parte degli utenti. Il motivo è da ricercarsi in una maggiore fiducia attribuita dagli utenti al primo link che viene offerto da Google, su cui si clicca quasi istintivamente, mentre già il secondo (che è appena qualche pixel sotto al precedente) subisce già un netto calo.

Si tratta di un esito che conferma quanto già visto con le precedenti analisi e che non sorprende molto, così come scontata è la differenza enorme tra prima e seconda pagina di Google.

Grafico sul rapporto tra CTR e ranking

Crollo del CTR nelle altre posizioni Google

Secondo Backlinko, solo lo 0,78 per cento delle per