Primi su Google? L’importanza di brand ed EEAT

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Cambiano le ricerche, cambiano gli utenti, ma il risultato resta sempre lo stesso: le posizioni su Google sono “predefinite”, con tre o al massimo quattro siti che si spartiscono la stragrande maggioranza della torta del volume di ricerca e tutti gli altri che possono competere solo per le briciole residuali. Non è solo una “sensazione”, ma quello che avviene concretamente sul motore di ricerca e che abbiamo rilevato anche con SEOZoom analizzando i dati di milioni di ricerche su Google e delle relative performance dei siti. Ne emerge in particolare il peso del brand e della fiducia che il motore di ricerca attribuisce alle pagine di tali brand.

Sempre gli stessi siti su Google? Le rilevazioni di SEOZoom

Come raccontato ad ADNKronos, l’indagine è partita dalle osservazioni di Ivano Di Biasi sui recenti andamenti delle SERP di Google, davvero semplicistici nello scegliere chi deve essere posizionato e in quale posizione.

In pratica, è facile notare sempre due o tre siti, quattro al massimo in alcuni settori, che si prendono la maggior parte del traffico e stanno nelle posizioni di vertice, mentre tutti gli altri si dividono le briciole.

Il miglior alleato per la tua SEO!
Stanco di scrollare all’infinito per trovare il tuo sito su Google? Fai crescere il tuo brand con la potenza dei dati e degli strumenti del nostro software
Registrazione

Detta in termini più tecnici e con dati alla mano, la metrica del Traffic Share di SEOZoom ci rivela che i siti top player scelti da Google per ogni settore conquistano anche il 70 o 80% di tutto il traffico di ricerca, e quindi tutti gli altri siti lottano solo per quote davvero residuali e minime di clic.

C’è un altro aspetto critico: sembra che Google abbia già predefinito chi deve essere in alto per qualsiasi cosa, perché in ogni nicchia verticale ci sono sempre gli stessi siti a monopolizzare le posizioni di massima visibilità sul motore di ricerca.

L’analisi nei verticali di travel e food: traffico sempre agli stessi siti

Gli screen qui sotto evidenziano la situazione.

In ambito turismo, le query per gli hotel in Italia vedono emergere sempre Booking e Tripadvisor, che da soli raggruppano più del 50% del volume di ricerca.