Google Bert, effetti in SERP ancora poco visibili

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

È trascorsa una settimana dall’annuncio di Pandu Nayak, ma finora Google BERT non sembra aver provocato gli scossoni in SERP anticipati (e temuti): “il più grande salto in avanti” nella storia del sistema di Ricerca di Google, che avrebbe dovuto impattare almeno su una query su 10, finora invece non sembra aver lasciato tracce evidenti di sé.

Google BERT, promesse non (ancora) mantenute?

Ricapitolando velocemente, lo scorso 25 ottobre il vicepresidente di Search ha annunciato ufficialmente l’introduzione di una innovativa tecnica di rete neurale artificiale per favorire la comprensione del linguaggio umano: Bidirectional Encoder Representations from Transformers, o più semplicemente BERT. Questo sistema, applicato all’algoritmo del motore di ricerca, consente di trattare automaticamente le informazioni scritte o vocali in una lingua naturale e di comprendere meglio ciò che è importante nelle query.

Pandu Nayak aveva parlato espressamente di “più grande salto in avanti degli ultimi 5 anni” per il motore di ricerca e di effetti sul 10 per cento delle query di ricerca in inglese negli Stati Uniti. Come dicevamo, l’analisi delle SERP non evidenzia cambiamenti così profondi nel posizionamento e nelle risposte, ma probabilmente ciò dipende dalla natura dell’algoritmo.

A cosa serve Google BERT

L’intervento di aggiornamento ha una funzione utile soprattutto per le query più lunghe e conversazionali, o per le ricerche in cui le preposizioni hanno influenza sul significato: prima di BERT, l’algoritmo non riusciva a comprendere bene il contesto delle parole nella stringa di ricerca, come si spiegava negli esempi forniti, mentre ora è possibile fare ricerche nel modo più naturale e personale.

I tracker non riescono a monitorare le long tail

Considerando questa premessa, appare verosimile che non sia (ancora?) possibile effetti concreti dell’aggiornamento nelle SERP perché usiamo strumenti di tracking che non possono analizzare con precisione le long tail keyword, le query più lunghe e diluite, quelle appunto interessate dal nuovo algoritmo.

Una posizione del genere è stata espressa da