Ammettiamolo: cercare ogni giorno idee per articoli e spunti adatti al proprio sito non è sempre semplice, né lo è riuscire a realizzare contenuti che siano efficaci, raggiungendo l’obiettivo ultimo, ovvero il posizionamento sui motori di ricerca. Ecco perché con la nostra piattaforma abbiamo voluto offrire un supporto concreto a chi affronta questa situazione, implementando lo strumento Assistente Editoriale con funzioni che permettono di sfruttare al meglio il potenziale del proprio website.

Creazione testi, i consigli per chi lavora sul Web

Partiamo, come al solito, da un po’ di temi di carattere generale prima di soffermarci nello specifico sull’utilizzo degli strumenti a disposizione. È abbastanza intuitivo che un blog o un website richiedano contenuti ben ottimizzati, facili da consultare e interessanti da offrire al proprio pubblico, che rispondano anche alle best-practice di Google, rispondendo sia alla richiesta di “informazioni” del target che al rispetto della SEO. In casi in cui questo duplice obiettivo non viene raggiunto si possono verificare i problemi, come un sito che genera poche visite o che sfruttato male il proprio potenziale, perdendo possibili clienti e visitatori, o che ancora presenta articoli e contenuti che non intercettano le reali esigenze dei lettori/utenti.

Come iniziare a raccogliere idee per la scrittura

Negli ultimi anni si è diffusa la pratica di scrivere testi per blog legati agli eCommerce, ritenuta (spesso a ragione) una strada per generare traffico e vendite sul negozio virtuale, ma spesso questa strada presenta anche qualche ostacolo, come il temibile “blocco dello scrittore”. È chiaro che di frequente l’attività redazionale viene affidata ad agenzie specializzate, ma comunque proviamo a fornire qualche spunto a chi deve occuparsi di questo compito e che, in realtà, potrebbero tornare utili anche per scrivere articoli per giornali, aggiungendo qualche altro spunto dopo l‘articolo sul web copywriting di qualche tempo fa.

Creazione testi e scrittura sul web, pensare al pubblico e agli obiettivi

Il primo suggerimento per rendere efficaci gli articoli è di pensare sempre in maniera preventiva a chi è il pubblico a cui si rivolge il proprio sito e quali sono gli obiettivi che ci proponiamo di raggiungere con il testo. Non si tratta soltanto di profilare l’utente “ideale” del sito (o del cliente, nel caso dell’eCommerce), ma anche di provare a intuire quali possano essere gli interessi, le esigenze e le curiosità di chi legge quello specifico articolo. Di pari passo, bisogna cercare di concentrarsi sugli obiettivi da raggiungere, sia in termini di pubblicazioni che di risultati concreti, monitorando l’andamento effettivo delle varie pagine.

Idee articoli per blog, i primi esempi

Sempre in chiave generale, esistono una serie di modelli che possono rappresentare degli approdi sicuri per chi affronta la difficoltà di trovare idee per articoli blog: un primo esempio classico è quello dell’intervista a esperti della materia, influencer o semplicemente delle personalità (anche “local”) che possano generare un effetto condivisione anche sui social. Altre idee per articoli piuttosto sfruttate sono le “guide” e i tutorial, gli articoli definiti “know how”, in cui si offre un contenuto formativo al proprio pubblico, sfruttando le proprie competenze in un campo specifico, mentre particolarmente adatti agli eCommerce sono i cosiddetti pezzi “liste”, in cui elencare vari prodotti, o le “gift guide” (guide regalo) da rilanciare online al momento di una ricorrenza specifica, da Natale alla Festa della Mamma o del Papà, fino a San Valentino, per mettere in evidenza determinati articoli del proprio negozio o linkare altri eCommerce.

Modelli e idee per scrivere contenuti ottimizzati e originali

Il nostro rapido elenco di idee per siti web si conclude con la menzione di altri modelli che possono funzionare da “ancore di salvataggio” per chi è alle prime armi con le attività online o che affronta un momento di blackout di creatività e deve raccogliere idee per la scrittura: se prima abbiamo detto della possibilità di affidarsi a un contenuto prodotto da altri, non bisogna scartare a priori l’opportunità di mettersi all’opera in prima persona, realizzando una recensione o raccontando la propria opinione ed esperienza su una determinata questione. In un’epoca contraddistinta dallo storytelling, questa modalità può essere un modo per avvicinare e fidelizzare i lettori, ma anche per distinguersi dai competitor e offrire un contenuto davvero originale, cercando di non discostarsi mai troppo dalla nicchia in cui si opera. Altra strategia, di segno completamente opposto, è quella di trovare idee per scrivere prendendo “spunto” da quanto pubblicato su altri siti e blog: inutile negarlo, questa è un’operazione che mettono in campo tutti, dalle redazioni professionali all’ultimo editore del Web, anche perché consente di capire quali sono i “trending topic” e in che modo sono affrontati da altri operatori; una soluzione “originale” potrebbe essere quella di partire dall’articolo che ci ha colpiti, provare ad approfondirlo o comunque aggiungere una propria considerazione e tentare di avviare una conversazione/dibattito con l’autore originale, coinvolgendo nella conversazione sul tema per avere un ritorno doppio.

SEOZoom, uno strumento anche per scrivere articoli ottimizzati SEO

Chiudiamo questa parentesi generale e andiamo a raccontare qualche dettaglio in più sullo strumento Assistente Editoriale di SEOZoom, che negli ultimi mesi è stato ottimizzato e ulteriormente arricchito di contenuti. Innanzitutto, questa funzione mira a ottimizzare la SEO on-page di un contenuto, consentendo perciò di scrivere articoli ottimizzati che possano competere per un potenziale di ricerca anche più elevato di quello di una singola keyword. Un altro supporto concreto arriva dal monitoraggio delle “tendenze” su cui si sta concentrando l’attenzione in quel dato periodo: SEOZoom analizza quotidianamente i nuovi articoli pubblicati dai Top Player di ogni settore, mettendo a punto una TAG Cloud degli argomenti maggiormente in voga a cadenza settimanale o giornaliera, che permette a chi gestisce un progetto di contenuti (blog, siti di notizie, magazine) di restare sempre aggiornato e individuare tempestivamente gli argomenti da trattare con testi performanti. Per raggiungere quest’ultimo obiettivo e creare contenuti dall’alto potenziale di ricerca, inoltre, la nostra suite mette a disposizione il tool “Suggerisci keyword articolo” che, a partire dalla keyword principale inserita, elabora tutta la Long Tail utilizzata dai competitor, e l’assistente editoriale evoluto, che indica keyword importanti e fornisce spunti per ottimizzare la propria pagina web.

Come trovare idee per articoli blog e keyword

Come dicevamo, però, non si può definire ottimale una creazione testi che non tenga in giusta considerazione l’interesse e l’attenzione del pubblico: quando si scrive un articolo di qualsiasi tipo bisogna sempre definirne il taglio, provando a intercettare anche le intenzioni di ricerca da parte degli utenti. Noi abbiamo messo a punto “Keyword Search Intent“, una funzione che mostra tutte le possibili intenzioni di ricerca dei potenziali utenti e i volumi di ricerca di ogni keyword interessata, per cercare di massimizzare gli obiettivi e i risultati del proprio lavoro. Ma cosa fare se non si hanno le giuste competenze e informazioni su quello specifico argomento? SEOZoom ha la risposta anche a questo problema, perché offre ai copywriter due tool specifici: con “Scopri Keyword” si ottiene un grafico a “cellule” che mostra i vari focus di interesse degli utenti sulla base della keyword inserita, mentre “Keyword Infinity” utilizza il grafo della conoscenza di Google per individuare tutti gli argomenti rilevanti per il tema individuato, con possibilità di gestire i vari filtri per ottenere spunti utili e idee per scrivere sempre più precise.

GM