Da qualche giorno la Ricerca Google da mobile ha un nuovo look, pensato per migliorare l’usabilità di Search per i tanti utenti che utilizzano lo smartphone per cercare informazioni. Vediamo insieme cosa è cambiato e, soprattutto, i motivi dietro alla decisione di Google, sintetizzati da un intervento di Jamie Leach.

Gli strumenti di Google per la navigazione mobile

L’attenzione e il lavoro di Google per il mobile sono noti da anni, ormai, e si concretizzano in macro progetti come Google AMP per velocizzare la fruizione dei contenuti, la realizzazione dell’Indice mobile-first per la Ricerca e la spinta verso siti mobile friendly; qualcosa sta cambiando anche sotto aspetti per così dire più piccoli, come annunciato anche nel corso dell’ultimo evento Google I/O, con la possibilità di visualizzare elementi 3D nelle ricerche e di farli interagire con la realtà aumentata.

Cambia Google Search da mobile

Cambia Google Search da smartphone

Un altro fronte di sviluppo è stato il miglioramento dell’interfaccia per gli utenti che utilizzano Google Search da dispositivi mobili, che ha portato al nuovo design descritto dal Senior Interaction Designer, Search Jamie Leach in un post sul blog di Google.

Nuovo look per la ricerca Google

L’obiettivo di Mountain View, si legge nell’articolo, “è sempre stato quello di aiutare le persone a trovare rapidamente e facilmente le informazioni che stanno cercando”, adattando la Ricerca ai cambiamenti tecnologici, che oggi hanno trasformato drasticamente la quantità e il formato delle informazioni disponibili sul Web, come dimostra la proliferazione di immagini e video dappertutto o i nuovi approdi della tridimensionalità.

La Ricerca Google ha un nuovo look da mobile

Modifiche per migliorare l’user experience

Anche le pagine dei risultati di ricerca, le SERP di Search Google, sono cambiate negli anni per aiutare gli utenti a scoprire questi nuovi tipi di informazione e determinare rapidamente ciò che è più utile per la loro esperienza di navigazione e per soddisfare la propria esperienza; le citate pagine AMP o i rich results più recenti sono solo alcuni dei metodi creati da Google per raggiungere il duplice scopo di migliorare la ricerca e fornire un’esperienza moderna e utile.

Un visual refresh per le SERP

L’ultimo step, in ordine cronologico, è il visual refresh alla pagina dei risultati di ricerca mobile, un rinnovamento del design e del look di Google Search che dovrebbe consentire alle persone di viaggiare meglio e più facilmente attraverso le informazioni disponibili sul web.

Aggiunta la favicon del sito posizionato

Le caratteristiche principali del nuovo design di Google Ricerca da mobile sono due: il risalto dato al logo del sito Web tramite una favicon personalizzabile e il cambio di posizione e di colorazione dell’URL della pagina che compare in SERP, che abbandona le tinte del verde per abbracciare un più leggibile nero. Questa soluzione è pensata per rendere immediatamente visibile il branding di un sito Web e per aiutare l’utente a capire meglio la fonte delle informazioni e quali pagine contengono ciò che si cerca.

Il nome del sito scritto in nero e in alto

Come detto, le differenze rispetto al passato si notano subito e sono nella parte superiore della scheda dei risultati, dove compaiono il nome del sito Web e la sua icona di riferimento per gli annunci organici, e rendono più semplice la lettura dei risultati a colpo d’occhio, facilitando anche la navigazione dei risultati successivi in pagina. La decisione di Google ha effetti ovviamente anche per webmaster e sviluppatori, che ora ad esempio devono impostare una favicon (se non l’hanno ancora fatto) per rendere più visibile e memorabile il proprio sito, o incappano in un nuovo e differente errore per siti mobile.

Nuovo look per ADS da mobile

Cosa cambia per i risultati di Google ADS

Piccole modifiche arrivano anche per gli annunci di Google ADS: quando la query dell’utente prevede un annuncio, la SERP mostra in evidenza una serie di risultati con una speciale etichetta pubblicitaria in grassetto nella parte superiore della scheda che in italiano riporta per esteso la parola Annuncio scritta in nero (Ad in inglese) seguita dall’indirizzo Web relativo (e non più dunque il piccolo box verde precedente). Anche in questo caso, l’obiettivo di Google è fornire una migliore percezione della pagina web e del suo contenuto, dedicando cura alla chiara attribuzione della fonte delle informazioni.

Google Search mobile, altre novità in arrivo

Secondo le parole di Jamie Leach, questi cambiamenti estetici rappresentano solo la prima parte di un più ampio progetto di trasformazione di Google Search per il mobile, che mira a diventare sempre più interattivo: si parla già di possibilità di compiere azioni tramite pulsanti/button, per compare biglietti per un film al cinema o per lanciare la riproduzione di un podcast direttamente dalla SERP, e il design è già pensato per integrarsi al meglio con le AMP stories e con ulteriori snippet o schede di anteprima dei risultati di ricerca che sono in fase di sviluppo.

GM