Quality raters guidelines, Google aggiorna il documento per i valutatori

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Dopo 314 giorni, ovvero 10 mesi e 10 giorni, arriva il nuovo aggiornamento per le quality raters guidelines di Google, ovvero le linee guida che il motore di ricerca sottopone ai suoi quality raters per indirizzarne il lavoro di valutazione delle SERP. Stando alle prime letture, non ci dovrebbero essere interventi o modifiche particolarmente rilevanti, ma è comunque utile scoprire quali sono le sezioni aggiornate, così da avere un quadro generale su ciò che per Google è importante ritrovare nei risultati di ricerca.

Quality raters, linee guida aggiornate il 14 ottobre 2020

La precedente versione delle linee guida per i valutatori esterni di Google risaliva al 5 dicembre 2019 e, come dicevamo anche nel nostro articolo, sottolineava l’importanza di escludere pregiudizi personali nel corso delle analisi dei risultati per fornire agli utenti le risposte oggettivamente migliori.

A distanza di quasi un anno – e che anno, questo 2020! – Google ha quindi messo mano al documento PDF e, in data 14 ottobre 2020, ha pubblicato la nuova versione aggiornata e ampliata, che passa da 168 pagine a 175 pagine.

https://static.googleusercontent.com/media/guidelines.raterhub.com//en/searchqualityevaluatorguidelines.pdf

Tra le novità più utili c’è l’introduzione di un change log, un registro delle modifiche che riporta i principali interventi e cambiamenti effettuati – al momento, nell’arco temporale di due anni, dall’ottobre 2018 alla data odierna.

Cosa cambia con la nuova versione

Barry Schwartz su Search Engine Land e su Seroundtable ha studiato rapidamente le principali novità delle nuove linee guida, almeno dal punto di vista per così dire strutturale. Grazie all’analisi attraverso uno scanner, ha trovato “281 modifiche sostitutive del contenuto, 233 inserimenti di contenuto e 209 eliminazioni di contenuti, la maggior parte dei quali sembra stilistica”.

Più specificamente, ha notato che Google ha aggiunto una sezio