Qualcuno potrebbe averlo notato nei rapporti di Google PageSpeed Insights, che da marzo ha iniziato a utilizzarlo per le network requests, mentre Googlebot aveva già iniziato a supportarlo nelle sue scansioni a novembre: parliamo del protocollo HTTP2, che ormai è utilizzato dalla metà di tutti i siti Web del mondo. Ecco quindi una panoramica su HTTP2, per capire che cos’è, come funziona, quali sono i pro e i contro del suo utilizzo e, non meno importante, quali possono essere i suoi aspetti positivi per la SEO.

Che cos’è HTTP2

HTTP/2 è un protocollo per controllare la comunicazione tra un browser che effettua una richiesta e il server che contiene le informazioni richieste.

Ufficialmente standardizzato nel 2015, è un’espressione ottimizzata della semantica dell’Hypertext Transfer Protocol (HTTP), denominato HTTP, il protocollo che serve il Web da oltre 20 anni, di cui rappresenta l’evoluzione: stando alle ultime rilevazioni di w3techs, ad oggi HTTP2 è utilizzato da più del 50 per cento di tutti i siti, in aumento rispetto al 42 per cento del 2020.

Oltre a garantire un passo avanti tecnico rispetto alla generazione precedente, mantenendo la massima compatibilità, il protocollo HTTP/2 migliora il caricamento delle pagine web sui vari browser e offre una grande semplicità applicativa agli utenti, che non devono apportare particolari modifiche al sito per applicare questa tecnologia.

In particolare, HTTP/2 consente un uso più efficiente delle risorse di rete e una percezione ridotta della latenza, introducendo la compressione del campo dell’header e consentendo più scambi simultanei sullo stesso collegamento; inoltre, introduce anche il push non richiesto di rappresentazioni dai server ai client.

Che cos’è un protocollo

Per capire meglio il funzionamento di tale sistema è bene ricordare anche che cos’è un protocollo, servendoci dell’aiuto di Ruth Everett: essenzialmente, protocollo è l’insieme di regole in atto per gestire la richiesta tra client e server. Tipicamente si costituisce di tre parti principali: l’intestazione, payload e footer.

  1. L’intestazione o Header contiene informazioni come l’indirizzo di origine e di destinazione della pagina, nonché le dimensioni e i dettagli del tipo.
  2. Il Payload è l’informazione effettiva che verrà trasmessa.
  3. Il Footer, infine, indirizza la richiesta al destinatario previsto e garantisce che i dati siano privi di errori quando vengono trasmessi al browser.

Le funzionalità tecniche di HTTP/2

HTTP/2 si basa sulla stessa sintassi di HTTP/1, e quindi questo protocollo è più un aggiornamento che una migrazione completa; questa è stata una decisione intenzionale, per rendere la transizione il più agevole possibile.

Queste sono alcune delle caratteristiche tecniche principali di questo protocollo:

  • Comandi binari

HTTP/2 introduce una modifica al protocollo di trasformazione, che passa da testuale a binario per completare la richiesta ai cicli di risposta: vengono eseguite le stesse attività, ma utilizzando solo comandi binari 1 e 0 anziché testo.

In questo modo, si semplificano le implementazioni dei comandi, che diventano più facili da generare e analizzare.

  • Multiplex

Il multiplexing consente di effettuare più richieste contemporaneamente su una singola connessione: in questo modo, il payload è suddiviso in sequenze più piccole, analizzate e trasmesse su una singola connessione e poi riassemblate prima che raggiungano il browser.

L’obiettivo principale di questa modifica era risolvere i problemi relativi alle richieste che consumano risorse e aiutare a evitare che richieste e risposte blocchino le altre.

  • Compressione dell’header

La compressione dell’intestazione è progettata per ridurre il sovraccarico fornito con il meccanismo di avvio lento in HTTP/1. Essendo la maggior parte dei siti Web ricca di grafica e contenuti, le richieste dei client causano l’invio di più frame di intestazione quasi identici al browser, il che può causare latenza e consumo non necessario di risorse di rete già limitate.

Il meccanismo di compressione dell’header offre la possibilità di comprimere un numero elevato di frame di intestazione ridondanti e consente al server di mantenere un elenco di header utilizzati nelle richieste precedenti; essenzialmente, le intestazioni verranno codificate in un blocco compresso e inviate insieme al client.

  • Server Push

Il meccanismo server push consente di inserire le risorse che potrebbero essere utilizzate nella cache di un browser prima che vengano richieste; sono inviate, senza attendere la risposta di un altro client, anche le informazioni o le risorse che si prevede saranno presenti in richieste future (basate su richieste precedenti).

In questo modo, si evita la necessità di un altro round trip di richiesta e risposta e si riduce la latenza di rete che deriva da diverse risorse utilizzate per caricare una pagina.

  • Priorità nel flusso

La Stream prioritization – assegnazione della priorità nel flusso – consente di dare la preferenza a particolari flussi di dati, in base alle dipendenze e al peso assegnati a ciascuno.

In tal modo, il server può ottimizzare l’allocazione delle risorse in base ai requisiti dell’utente finale.

  • HTTP2 e HTTPS

Il supporto per HTTP/2 è disponibile solo tramite connessioni crittografate, e quindi richiede HTTPS.

Non sorprende che i due protocolli si completino a vicenda in molti modi: aumentano la sicurezza per utenti e applicazioni, ma richiedono anche un minor numero di handshake TLS e riducono il consumo di risorse sia lato client che lato server.

Come funzionano le richieste HTTP: l’analogia del camion

L’articolo di Everett riporta anche un’utile analogia per comprendere le richieste HTTP, usando un camion come riferimento.

Fondamentalmente, un camion rappresenta la richiesta dal client al server e la strada percorsa dal camion è la connessione di rete; quando il camion che trasporta la richiesta dal browser raggiunge il server, caricherà la risposta e la riporterà al browser.

Il protocollo HTTPS aggiunge un livello di protezione a queste risposte, per garantire che nessuno sia in grado di guardare all’interno del camion per vedere cosa contiene, ad esempio dati personali o informazioni sensibili.

Il problema principale è che i camion che fanno la richiesta non possono viaggiare più velocemente della velocità della luce: devono anche viaggiare a una velocità costante, indipendentemente da quanto sia grande la richiesta e quanto lontano devono percorrere per raggiungerla.

Inoltre, bisogna considerare anche che la maggior parte dei siti Web richiede una sequenza di molte richieste e risposte per caricare una pagina: ad esempio, anche i file di immagine, CSS e/o JavaScript possono avere le proprie dipendenze, che richiedono l’esecuzione di più viaggi tra il browser e il server.

Quando si effettuano richieste tramite HTTP/1, ogni camion necessita della propria strada o richiesta di rete, e per determinate richieste devono essere effettuate anche nuove richieste di rete; tutto questo si aggiunge alla latenza.

In genere, è possibile effettuare solo sei connessioni simultanee alla volta, e le altre richieste sono costrette ad attendere che le connessioni di rete siano libere. I diagrammi a cascata sono un modo utile per vedere questa latenza in azione.

Come cambiano le cose con HTTP/2

È in questo punto che può intervenire HTTP/2 e fornire un impatto positivo sui comportamenti delle richieste.

Ad esempio, grazie alla funzione multiplex più camion possono circolare su una singola strada contemporaneamente, quindi la connessione di rete è in grado di gestire più richieste e fornire più risposte più velocemente.

Il contenuto di queste richieste e risposte rimane lo stesso: sono solo gestite in un modo leggermente diverso.

Un’altra utile funzionalità di HTTP/2 è Server Push, che consente al server di rispondere a una richiesta con più risposte contemporaneamente. Quindi, se per esempio dobbiamo restituire i file CSS e JavaScript insieme all’HTML, questi possono essere inviati tutti contemporaneamente, invece di dover essere consegnati singolarmente al browser.

I vantaggi del protocollo HTTP2 per i siti

Essendo una tecnologia aggiornata, l’adozione di HTTP/2 porta alcuni vantaggi per i siti.

Il primo è di tipo tecnico e pratico: l’aggiornamento a HTTP2 non è una migrazione e non richiede modifiche agli URL, ma è più semplicemente un cambio di protocollo che non necessita di sforzi applicativi o interventi particolari.

Everett ha messo in evidenza “quattro dei maggiori vantaggi dal punto di vista SEO”, un elenco non esaustivo dei vantaggi complessivi di HTTP/2.

  1. Prestazioni web

Molte delle nuove funzionalità di HTTP/2 sono state progettate per migliorare le prestazioni dei siti e per aiutare a risparmiare le risorse necessarie per eseguire la scansione dei siti.

Ad esempio, il multiplexing significa che le richieste e le risposte non si bloccheranno a vicenda, fattore che aiuta a ridurre la latenza e, a sua volta, fornisce prestazioni web più veloci.

La possibilità di inviare e ricevere più dati per richiesta di comunicazione è un altro esempio pratico di vantaggi prestazionali.

Inoltre, la prioritizzazione del flusso consente un utilizzo efficace delle risorse, che riduce il tempo necessario per fornire le richieste di contenuto all’utente.

  1. Prestazioni mobili

Oltre alle prestazioni web complessive, anche le prestazioni mobile possono essere migliorate grazie a HTTP/2, che è progettato nel contesto delle odierne tendenze di utilizzo, che prediligono sicuramente i dispositivi mobili.

Il multiplexing e la compressione dell’header aiutano in particolare a ridurre la latenza nell’accesso alle pagine Web, e questo si verifica anche su reti mobili, che possono avere una larghezza di banda limitata.

In sostanza, HTTP/2 ottimizza l’esperienza web per gli utenti mobile in modi che in precedenza erano attribuiti solo agli utenti desktop, anche attraverso prestazioni e sicurezza.

  1. User Experience migliorata

I miglioramenti delle prestazioni influenzano positivamente anche l’user experience: è facile intuire che un sito a caricamento rapido porti a una maggiore soddisfazione del cliente e al favore generale del brand.

Come dice Google, c’è un aumento del 32% del bounce rate se il caricamento di una pagina va da 1 secondo a 3 secondi, e HTTP/2 è solo un modo in cui possiamo cercare di migliorare la velocità di caricamento.

  1. Maggiore sicurezza

Poiché HTTP/2 deve essere servito su HTTPS, garantisce che tutti i siti Web siano crittografati e protetti.

Inoltre, aiuta anche ad assicurare che le applicazioni stesse siano protette da eventuali attacchi dannosi, che potrebbero comportare sanzioni manuali per il sito o potenzialmente farlo rimuovere del tutto dai risultati di ricerca.

I possibili svantaggi

Accanto a questi “pro”, anche HTTP/2 porta alcuni svantaggi da considerare, come avviene con tutte le tecnologie.

Il primo aspetto negativo segnalato dall’articolo è che non tutti i browser supportano ancora HTTP/2. In realtà, già dal 2015 la maggior parte dei principali browser ha aggiunto il supporto per il nuovo protocollo, ma è bene assicurarsi che i browser principali da cui gli utenti accedono al sito siano supportati.

Questo è comunque un problema limitato, in quanto l’incompatibilità riguarda soprattutto versioni obsolete dei browser, che hanno un utilizzo globale basso, come rivela il grafico del sito Caniuse.com.

Supporto browser di HTTP2

A causa della funzione push del server, c’è un potenziale spreco di larghezza di banda a causa dei dati che possono essere inviati al browser, ma non effettivamente utilizzati: “solo perché una richiesta di caricamento di una pagina potrebbe richiedere una particolare risorsa o potrebbe essere prevista un’altra richiesta, non sempre significa che lo farà”, dice Everett, e ciò rischia di determinare che “risorse non necessarie possano essere inviate al browser”.

Inoltre, poiché il multiplexing può fare in modo che il server “riceva brevi raffiche di un numero di richieste contemporaneamente, questo ha il potenziale di sopraffare i server, in particolare se non sono limitati”. Potrebbero infine verificarsi lievi ritardi e complicazioni nel debug, a causa del formato binario utilizzato al posto del formato di testo utilizzato in HTTP/1.

Come implementare HTTP2 sul sito

L’aggiornamento a HTTP/2 dipende in ultima analisi dal nostro server: se, al momento, non siamo in grado di supportare HTTP/2, è necessario parlare con l’amministratore del server o con il provider di hosting.

Invece, se il server è in grado di supportare HTTP/2, potrebbe servire automaticamente il contenuto tramite il nuovo protocollo. Possiamo assicurarci “che il server sia in grado di supportarlo utilizzando un CDN che supporti anche HTTP/2 e disponendo di un certificato HTTPS aggiornato”; inoltre, possiamo verificare se il server è in grado di supportare HTTP/2 utilizzando il sito http2.pro, che informa sulle funzionalità del server rispetto al supporto di HTTP/2, ALPN e Server-push. Un altro tool utile è Chrome Dev Tools, che consente di controllare quali risorse sono attualmente servite su HTTP/2.

Google e HTTP2

Come anticipato, da metà novembre 2020 Google ha avviato la scansione dei siti su HTTP/2 e già a maggio, come rivelato da John Mueller, Googlebot sta eseguendo la scansione di oltre la metà di tutti gli URL con il nuovo protocollo.

Inoltre, da marzo 2021 anche lo strumento PageSpeed ​​Insights utilizza HTTP/2 per effettuare richieste di rete, se il server lo supporta; se un sito è su HTTP/2, di conseguenza potrebbe vedere aumentare i suoi punteggi di PageSpeed ​​Insights – ma ciò non significa un aumento di ranking, sia chiaro.

In precedenza, tutte le richieste venivano effettuate con HTTP/1.1 a causa di vincoli nell’infrastruttura di connettività; con questo miglioramento, è più probabile che ci sia “maggiore somiglianza tra i risultati di Lighthouse da PSI e da Lighthouse CLI e DevTools (che hanno sempre effettuato richieste con h2)”, anche se “la coerenza tra ambienti è quasi impossibile”, spiegano da Google.

Vale la pena notare che non è possibile “forzare” Googlebot a eseguire la scansione del nostro sito su HTTP/2: se il sito lo supporta, sarà automaticamente idoneo per essere sottoposto a scansione con il protocollo, ma per il momento Google lo farà solo se lo riterrà vantaggioso in termini di risparmio di risorse).

HTTP2 e vantaggi per la SEO

Tutti gli aspetti positivi di questo protocollo, combinati insieme, possono avere anche un impatto positivo sulla SEO.

Ribadiamo che non c’è un aumento diretto del ranking derivante dall’uso di HTTP2, come confermato più volte da Google, ma ad ogni modo gli incrementi di performance e UX possono comunque contribuire a raggiungere gli obiettivi fissati dal Page Experience Update partito lo scorso 15 giugno, oltre che influire, in qualche modo, sulla visibilità di un sito in Google Search e sulle conversioni.

C’è poi un altro aspetto interessante, rivelato da John Mueller in un intervento a Google I/O 2021 e riportato da Seroundtable, perché la scansione in HTTP2 potrebbe migliorare il crawl budget, ovvero “un mix tra quanti URL Google vuole scansionare dal tuo sito web – la richiesta di scansione (crawl demand) e quanti tuoi URL i nostri sistemi pensano che il tuo server possa gestire senza problemi – la capacità di scansione (crawl capacity)”.

Con la scansione HTTP/2, spiega Mueller, questo diventa un po’ più complicato “perché una singola connessione può includere più URL”; nel complesso, comunque, Google pensa “che la scansione HTTP/2 offre ai nostri sistemi la possibilità di richiedere più URL con un simile carico sui tuoi server”.

Ad ogni modo, la decisione di eseguire la scansione con HTTP/2 “si basa sul fatto che il server lo supporti e che i nostri sistemi determinino un possibile aumento dell’efficienza”; ciò significa che Googlebot “non avrà bisogno di dedicare tanto tempo alla scansione del tuo server come prima”, e che in generale il nuovo protocollo, con le sue caratteristiche, apporta miglioramenti che aiutano sia la scansione di Google che l’infrastruttura di servizio del sito web.