Page Experience update di Google, come e cosa valutare sul sito

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Ormai è partito il conto alla rovescia: mancano infatti meno di sei mesi alla partenza ufficiale del Page Experience Update di Google, che introduce nuovi fattori e parametri per le valutazioni algoritmiche sul ranking delle pagine, basati in modo specifico sui Core Web Vitals e su altri elementi legati alla soddisfazione dell’esperienza dell’utente. Dopo aver visto quali sono le principali FAQ secondo Google, passiamo a capire come preparare il sito, sapere su quali aree concentrare l’attenzione e cosa ottimizzare per essere pronti al lancio di questo importante aggiornamento grazie ai consigli dei professionisti del settore.

Le considerazioni da fare sul Page Experience Update

L’annuncio di Google sulla partenza del Page Experience a maggio 2021 non ci ha colti di sorpresa, ma ci ha fornito comunque una data di riferimento che risulta utile per delineare un piano del lavoro da fare fino a quel momento, così da non essere colti alla sprovvista dai nuovi criteri di ranking e perdere eventualmente posizioni.

Ma cosa significa “preparare il sito” per questi elementi e su cosa bisogna concentrarsi? Lo ha chiesto George Nguyen di Search Engine Land a diversi professionisti SEO, e in particolare a Kim Dewe (head of SEO per l’agenzia Blue Array), Pedro Dias (ex Googler e ora head of SEO per l’editore britannico Reach PLC), Matt Dorville (SEO manager per BuzzFeed) e Alexis Sanders (SEO director a Merkle), con cui ha parlato dei vari aspetti da considerare nei prossimi mesi.

L’impatto dell’update dentro e fuori la pagina dei risultati di ricerca

“Non sarà un cambiamento importante, ma non dovresti nemmeno ignorarlo“, ha detto Pedro Dias, ex search quality analyst a Google. Secondo il suo parere, molti dei criteri della page experience – come l’ottimizzazione per i dispositivi mobili, HTTPS, la presenza di interstitial invadenti, la velocità della pagina e la sicurezza della navigazione – sono già fattori di ranking di ricerca di Google, e pertanto i siti dovrebbero già essere ottimizzati tenendo a mente questi aspetti