Black Friday e Cyber Monday, da Google le best practices per e-Commerce

Provaci

Mettici alla prova

Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Manca ormai meno di un mese al weekend che ospiterà il Black Friday e il Cyber Monday, che sta assumendo una rilevanza sempre più importante per i fatturati delle imprese e le vendite dei siti di e-Commerce. Quest’anno, con le nubi causate dall’emergenza Covid-19 e da una generale situazione di incertezza, appare quanto mai importante riuscire a farsi trovare pronti per intercettare i potenziali clienti, e Google ha deciso di fornire indicazioni, consigli e best practices per gli e-Commerce che vogliono far emergere le proprie pagine in occasione di Black Friday e Cyber Monday, che quest’anno sono in calendario rispettivamente il 27 e il 30 novembre.

I dati del commercio online durante Black Friday e Cyber Monday

Prima di passare alla parte operativa, ci sono alcuni dati che possono farci comprendere a pieno la portata di questo weekend e l’impatto che ha su chi vende online.

Solo per limitarci all’Italia, una ricerca di GfK Italy su un campione di 1000 consumatori evidenzia che il 91% dei nostri connazionali conosce il Black Friday e il 60% ritiene che sia un’occasione buona per fare affari, acquistando anche in anticipo i regali per Natale. Analizzando i numeri, poi, si scopre che gli acquisti effettuati nei 4 giorni tra Black Friday e Cyber Monday in Italia siano superiori di oltre 5 volte alla media della spesa eseguita nel weekend lungo di un qualsiasi altro periodo dell’anno.

I numeri delle vendite in Italia e nel mondo

Ancora: nel Black Friday dello scorso anno, caduto il 29 novembre 2019, nel nostro Paese c’è stata una crescita delle intenzioni di acquisto vicina al 150%, e tutta la Black Week (dal lunedì al venerdì) ha visto crescere questo valore del 76% rispetto alla settimana nera dell’anno precedente. E solo su Amazon, nel Black Friday 2019 gli italiani hanno fatto in media 37 ordini al secondo.

Allargando il quadro agli Stati Uniti, patria originaria di questi eventi speciali di shopping, i dati sono in progressiva crescita: solo durante il Black Friday sono stati spesi online circa 7,4 miliardi di dollari, mentre il successivo Cyber Monday ha superato i 9 miliardi di dollari, diventando il giorno di shopping online più grande di sempre.

I consigli di Google per vendere online

La stagione delle vacanze di fine anno è quindi “un momento di punta per molti commercianti, con eventi di vendita speciali come il Black Friday e il Cyber ​​Monday”, come scrive Alan Kent del Search Relations Team di Google nel post pubblicato su Search Central.

E proprio i commercianti possono “aiutare Google a mettere in evidenza i propri eventi di vendita fornendo landing page con contenuti pertinenti e immagini di alta qualità”, seguendo le best practices indicate per avere visibilità in queste fasi concitate di traffico online.

Le 6 best practices per gli e-Commerce per Black Friday e Cyber Monday

Per la precisione, sono sei gli interventi e i consigli che arrivano da Google per i siti che si stanno preparando landing page per le vendite promozionali in occasione di Black Friday e Cyber Monday – e che, ovviamente, possono servire in generale per ottimizzare le pagine di destinazione per le vendite.

  1. Lavorare in anticipo

“Assicurati di creare la pagina molto prima della vendita in modo che Googlebot abbia il tempo di scoprire e indicizzare la pagina”, scrive Kent, che poi invita a verificare alcuni passaggi tecnici, a cominciare da “non impedire a Google di eseguire la scansione dell’URL” con il file robots.txt o con noindex nei meta tag robots. Per accertarsi che tutto sia in ordine come voluto si può usare lo strumento Controllo URL della Search Console.

  1. Applicare le best practices SEO standard

Come ogni altra pagina web, anche queste landing page devono essere create facendo riferimento alle classiche best practices della SEO e dell’ottimizzazione SEO on page, ricordando quali sono i consigli specifici di Google per gli e-Commerce, i quattro passi per aprire un negozio online e gli strumenti della Google Search Console utili per gli e-Commerce.

  1. Usare link per aumentare la visibilità

È importante collegare le landing page alla home page (o simile), perché questi link aiutano ad aumentare la sua visibilità e permettono agli utenti (e Google) di trovare la pagina di destinazione più rapidamente.

  1. Utilizzare un URL ricorrente

Un’altra indicazione pratica è di usare URL ricorrente, e non creare un nuovo URL per ogni occorrenza dell’evento. In concreto, Kant invita ad assegnare alla landing page degli eventi ricorrenti un “URL significativo che rifletta l’evento che viene utilizzato ogni anno”, usando ad /sale/ black-friday e non /sale/2020/black-friday.

  1. Sfruttare le immagini

Sappiamo quanto le immagini possano significare per un sito e, in particolare, per gli e-Commerce: Google consiglia quindi di includere nella landing page un’immagine pertinente e di alta qualità, preferibilmente statica, che fornisca una rappresentazione aggiornata della propria vendita. Anche in questo caso ci sono alcune indicazioni per ottimizzare le immagini per la SEO, come ad esempio tagliare gli spazi bianchi attorno ai bordi e usare un’immagine visivamente accattivante e di buona qualità.

  1. Far ripetere la scansione della pagina

Dopo aver testato la validità dei dati strutturati, può essere utile chiedere a Google di ripetere la scansione della pagina per aggiornare più rapidamente i tuoi contenuti. In realtà, lo strumento per la richiesta di recrawl è da qualche settimana in manutenzione, ma Kent si augura che sarà presto rimesso online.

Iscriviti alla newsletter

Prova SEOZoom

7 giorni di Prova Gratuita

Inizia ad aumentare il tuo traffico con SEOZoom!
TOP