Case Study di SEOZoom: gli strumenti SEO per il sito JackSpike Design

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

O fai SEO o non esisti: ne è convinto Sandro Monteleone, Creative Director di www.jackspikedesign.com, il sito web dell’Agenzia Grafica JackSpike Design, che ha voluto condividere con noi il suo caso di studio, raccontandoci il suo approccio all’ottimizzazione e l’utilizzo dei SEO tools di SEOZoom, compagni di viaggio del suo progetto di scalata delle SERP.

O fai SEO o non esisti

L’utente parte da una riflessione di carattere generale: fino a qualche anno fa il termine SEO “era sconosciuto alla maggior parte degli utenti di internet, oggi viene considerato come la Champions League dagli utenti che aspirano a migliorare la visibilità del proprio sito nel web”, al punto da sintetizzare – come scritto in apertura – che “o fai SEO o non esisti”.

Il lavoro di rilancio del sito web aziendale

Nella mail inviata alla nostra casella info@seozoom.it, Monteleone racconta le difficoltà iniziali del suo progetto: “Un anno e mezzo fa, mentre stavamo progettando la realizzazione del nuovo sito web, ci siamo ritrovati con mille paranoie rispetto alla forte concorrenza che esiste nel settore. Abbiamo capito che per sviluppare un sito efficace non bastava solamente una bella grafica e qualche parola chiave buttata qui e là per avere un buon posizionamento, ma bisognava dare molto importanza ai contenuti di valore del sito”.

Il primo approccio con SEOZoom

In questa fase di progettazione c’è il primo incontro con la nostra suite: “Una sera, tra le tante ricerche sul posizionamento fatte su Zio Google – cercavamo una strategia vincente per esistere nel web – ecco ad un tratto una visione, un’immagine scolpita nella testa: troviamo questo SEOZoom, un software interamente in italiano, fatto da italiani. Ci rendiamo subito conto che era quello che stavamo cercando: prima di allora era difficile e molto dispendioso in termini di tempo fare un’analisi accurata di un sito in tutte le sue parti, ma con SEOZoom potevamo avere tutto in un solo programma e categorizzato in maniera semplice ed intuitiva”, ci scrive.

Un alleato nella sfida del posizionamento su Google

Sin da subito la piattaforma si rivela un’utile alleata per dare una spinta al sito. “Siamo partiti da poco, quasi dal nulla, non avevamo nessuna parola in SERP nella TOP 10 con il vecchio sito e pochissime keyword nelle prime 5 pagine di Google“, dice sempre Sandro, ma “abbiamo analizzato la situazione con SEOZoom e ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo