In questi mesi abbiamo dato voce agli utenti di SEOZoom, raccontando alcuni casi di successo ottenuto anche grazie ai SEO tool della nostra suite; finora, protagonisti sono stati gli stessi proprietari o gestori dei progetti che, rimboccate le maniche, si sono messi all’opera in prima persona. Oggi invece ospitiamo un consulente SEO, Leonardo Guerrini, che sottopone il progetto SEO che ha seguito nei mesi scorsi, riguardante il sito https://www.toelettaturacanibrescia.it/.

L’ottimizzazione di Toelettatura Cani Brescia

Il sito oggetto delle sue cure vende accessori per animali, in particolare cucce e casette in legno, e fa capo a Mangiar da Cani, negozio fisico della provincia di Brescia. Leonardo Guerrini, libero professionista nel campo del web marketing e ormai sempre più specializzato in progetti SEO (e da circa un mese nuovo Connection Manager presso WMI), ha lavorato insieme al cliente concentrandosi sulle tipologie di articoli utili al core business, fissando dei precisi obiettivi: migliorare la visibilità del sito sul web e aumentare le vendite online.

Quando è iniziato il progetto di web marketing con Mangiar da Cani, ci dice il nostro utente, “il sito era in una versione statica che non si adattava agli schermi degli smartphone, e con uno scarso posizionamento sui motori di ricerca”. Un salto su Web Archive mostra come si presentavano le pagine prima dell’intervento: parliamo del marzo del 2018 e la necessità di miglioramento è evidente!

I lavori di miglioramento sul sito

La nuova versione del sito è andata online nel dicembre del 2018, ma le analisi SEO per comprenderne le potenzialità sono iniziate un paio di mesi prima, dice Leonardo. A inizio progetto, confessa, “non avevo ancora sottoscritto un abbonamento a SEOZoom (sic!), per cui le prime analisi le ho effettuate tramite un account di un mio cliente, il quale mi ha permesso di utilizzarlo” e di conoscerlo.

L’uso di SEOZoom per analizzare e ottimizzare le pagine

La prima sezione di SEOZoom utilizzata è stata “Analizza”, in particolare la funzione “Quick Audit”, che “mi ha permesso di avere un report riassuntivo, con due vantaggi:

  • Da un lato, sono stato in grado di comprendere subito lo stato di partenza del sito e le potenzialità inespresse in termini di posizionamento su Google.
  • Inoltre, grazie a Quick Audit ho potuto inviare al mio cliente un report sintetico e allo stesso tempo facile da comprendere anche da parte dei non addetti ai lavori”.

Il punto di partenza della consulenza

Prima degli interventi SEO e del restyling, il sito aveva una Zoom Authority pari a 20, circa 60 visitatori medi ogni mese e 360 parole chiave posizionate su Google. Il primo passo “è stato quello di passare a un sito WordPress, utilizzando un tema leggero e dal codice pulito (Generate Press), oltre che un hosting più performante. Seguendo i consigli dati nei vostri webinar ho anche impostato in maniera diversificata l’URL, il title e gli H1 di ogni pagina, inserendo parole chiave diverse per cercare di intercettare quante più ricerche possibili su Google”.

Andato sito caso studio  

Gli strumenti per ottimizzare i contenuti

Una volta fatto questo e ottimizzato le immagini, “c’era da lavorare molto sui testi, per renderli ottimizzati in base alle parole chiave più rilevanti per l’attività del mio cliente”.

SEOZoom si è rivelato particolarmente utile in questa delicata fase di ottimizzazione on page, specialmente la sezione “Strumenti Editoriali”, dove le funzioni “Suggerisci keyword per articolo” e “Articolo di esempio” hanno permesso a Guerrini di scoprire le parole correlate e secondarie rispetto a una keyword principale, suggerendo anche dove inserire gli heading H1, H2 e H3 all’interno della pagina.

L’importanza dei Progetti per un lavoro più professionale

Più o meno in concomitanza con la messa online del nuovo sito, prosegue il nostro utente, “ho finalmente acquistato l’abbonamento annuale Start, con la possibilità di creare un progetto dedicato a questo sito e monitorare le parole chiave più rilevanti”. Facendo in questo modo, è stato possibile analizzare il loro andamento quotidiano in SERP, specialmente dopo aver effettuato delle modifiche rilevante ai testi.

Zoom Authority caso studio

I risultati dell’ottimizzazione con SEOZoom

Dopo i primi mesi di attività SEO, i risultati non si sono fatti attendere: oggi le parole chiave posizionate sono passate da 360 a circa 760, la ZA da 20 a 36 e il volume di ricerche mensili da 60 a 1662!

Grafico SEOZoom distribuzione keyword

In particolare, l’andamento dell’ultimo anno di www.toelettaturacanibrescia.it evidenzia un traffico organico stimato pari a 1.662 visite, con un incremento del 4.279,23% rispetto all’anno precedente; volume ancora basso ma che è un indice di trend positivo per il sito. Anche l’andamento dell’ultimo trimestre è in positivo, con un incremento del 153,78% sul trimestre precedente, a conferma che le attività sul sito risultano adeguate e che Google stia apprezzando il lavoro e i contenuti proposti.

La distribuzione delle keyword e l’analisi competitor

Sensazioni confermate anche dall’analisi della distribuzione delle keyword nelle pagine di Google: ad oggi le parole chiave del sito sono presenti per il 25% in prima pagina, per il 30% in seconda pagina (keyword con potenziale), mentre il restante 45% si assesta tra la terza e la quinta pagina. Lavorando sulle 556 keyword potenziali è possibile migliorare il posizionamento, provando con le adeguate attività a portarle in TOP 10 per un immediato incremento di traffico.

L’altro lavoro da avviare è quello di rafforzamento nei riguardi dei competitor di settore, perché attualmente il sito è competitivo, ma è indietro per le principali keyword.

Effetti concreti: aumento di preventivi e vendite

Questi miglioramenti in SERP si sono tradotti in un aumento incisivo delle richieste di preventivi e delle vendite, e Leonardo ci fornisce anche dei dati concreti: nei primi 9 mesi del 2019 il cliente ha venduto 87 tra cucce, casette e box in legno, contro le 36 nel medesimo intervallo di tempo dell’anno precedente, e tutti questi contatti provengono quasi esclusivamente da Google, perché non utilizza pubblicità online da molti mesi.