Gli interventi più importanti per migliorare i Core Web Vitals sul sito

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

È ormai da tre anni che Google ha introdotto il concetto di Core Web Vitals o Segnali Web Essenziali, le metriche prestazionali che misurano le risposte delle pagine alle interazioni “vere” degli utenti (grazie ai cosiddetti dati sul campo) per consentirci di risolvere il problema delle esperienze utente negative sul sito. Entrati a far parte del Page Experience system e quindi ufficialmente fattore di ranking, per molti proprietari o gestori di siti questi parametri rischiano di essere ostici da comprendere e da affrontare: per questo, Google ha condiviso una guida agli interventi di ottimizzazione principali a cui dare priorità.

Core Web Vitals: le best practices per ottimizzare il sito

Il team di Chrome DevRel ha trascorso l’ultimo anno cercando di rispondere a una domanda: quali sono i consigli più importanti da dare agli sviluppatori per aiutarli a migliorare le prestazioni per i loro utenti? Da questa riflessione (e da questo intenso lavoro) è nata la guida alle best practices per ottimizzare i Core Web Vitals e aiutarci, in concreto, a decidere a cosa dare la priorità quando il nostro tempo è limitato.

Firmata da ben cinque autori – i Googler Philip Walton, Rick Viscomi, Barry Pollard, Brendan Kenny e Jeremy Wagner – la pagina di supporto rappresenta una raccolta delle indicazioni che Google ritiene siano più efficaci per migliorare le prestazioni dei Segnali Web Essenziali, aggiungendosi ai numerosi suggerimenti forniti finora per migliorare i punteggi di queste metriche.

Come si legge in pagina, infatti, ognuno dei consigli precedenti “può, individualmente, migliorare le prestazioni di molti siti”, ma “l’intero set di consigli è certamente travolgente e, realisticamente, non c’è modo che una persona o un sito possa seguirli tutti”. A meno che le prestazioni web non siano il nostro lavoro quotidiano, infatti, probabilmente non è facile individuare quali interventi possano generare il maggiore impatto positivo sul sito: ad esempio, “potresti aver letto che l’implementazione di CSS critici può migliorare le prestazioni di caricamento e potresti anche aver sentito che è importante ottimizzare le tue immagini”, prosegue l’articolo, ma come decidere a cosa dedicarsi se non abbiano tempo per lavorare su entrambe le cose?

Come migliorare i Core web Vitals, l’elenco dei consigli tecnici per intervenire

Si è quindi reso necessario fornire una guida pensata in modo diverso, prendendo in considerazione non solo i meriti tecnici di una data raccomandazione, ma anche i fattori umani e organizzativi che influenzano la probabilità che gli sviluppatori siano effettivamente in grado di adottare questi consigli. In altre parole, alcune raccomandazioni possono avere un enorme impatto in teoria, ma in realtà pochissimi siti avranno il tempo o le risorse per implementarle; allo stesso modo, alcuni interventi sono fondamentali, ma la maggior parte dei siti Web sta già seguendo queste pratiche.

Alla luce di ciò, la nuova guida di Google al miglioramento dei Core Web Vitals si concentra su tre punti chiave che consentono di superare i limiti del vecchio approccio:

  • Raccomandazioni che possono avere il maggiore impa