Google My Business, cambiano statistiche e caricamento di video

Iscriviti alla newsletter

Non si ferma il lavoro di aggiornamento di Google My Business, la vetrina online gratuita a disposizione delle attività che vogliono emergere nella Ricerca e nella local SEO: le ultime novità in ordine temporale riguardano Google My Business Insights e le impostazioni per il caricamento dei video, la cui dimensione massima è ora scesa a 75 MB.

Nuovi limiti per l’upload di video in GMB

Partiamo proprio da questo secondo cambiamento notevole, con cui i professionisti del marketing dovranno iniziare a fare i conti: Google ha deciso di ridurre la dimensione massima dei video caricati su GMB, passata dai precedenti 100 MB a 75 MB.

La modifica – notata da alcuni analisti che avevano problemi con l’upload di video, come raccontato su Search Engine Journal – è ufficializzata nella pagina di aiuto del tool, dove ora si legge che la dimensione massima dei video su Google My Business è appunto di 75 MB, mentre gli altri requisiti di base sono una durata massima di 30 secondi e una risoluzione di 720p o superiore.

Al momento Google non ha fornito una spiegazione per la scelta di ridurre le dimensioni del file dei caricamenti video, e non resta che conformarsi alla novità.

GMB, arrivano modifiche ai dati delle statistiche

Il secondo aggiornamento – che si aggiunge a quelli raccontati nelle scorse settimane – riguarda invece i rapporti sul rendimento del profilo dell’attività offerti ai titolari del profilo, che ora hanno a disposizione più dati con cui lavorare e migliorare le performance.

Secondo la guida del tool, ora i dati sono più integrati con il profilo su Ricerca e Maps ed è possibile accedere ad altre metriche del profilo principale direttamente dal profilo dell’attività. Il primo – e più interessante – rapporto è quello delle “interazioni, che ti consentono di sapere quante persone ti hanno contattato”, insieme a quello delle query utilizzate per trovare l’attività.

Nei prossimi mesi, viene già annunciato, “altre metriche che includeranno rapporti dettagliati sulle ricerche e sul numero di persone che hanno visitato il profilo”.

Come usare le statistiche di GMB

I dati ora aggiunti non sono mai stati visualizzati prima nella pagina Google My Business Insights.

Come possono attestare gli operatori di marketing locale, un profilo Google My Business può essere efficace nell’attirare i clienti quanto un sito web e a volte anche più importante: per questo, avere un rapido accesso a importanti metriche può aiutare a rendere i profili GMB ancora più efficaci e quindi a migliorare le performance dell’attività.

Le metriche di interazione verranno aggiornate quotidianamente, mentre le altre metriche verranno aggiornate mensilmente.

I dati saranno disponibili per un massimo di 6 mesi e gli imprenditori possono rivedere il proprio rendimento selezionando intervalli di tempo personalizzati e confrontando i dati.

I passaggi per esaminare il rapporto sul rendimento di Google My Business

Per analizzare le nuove metriche dal profilo aziendale bisogna consultare la sezione dei rapporti sul rendimento di GMB e seguire questi passaggi:

  1. Eseguire l’accesso con l’account utilizzato per registrarsi a Google My Business.
  2. Collegarsi al profilo della tua attività, cercando su Google il suo nome esatto.
  3. Se necessario, selezionare Visualizza profilo per gestire il profilo dell’attività.
  4. Selezionare Promuovi e poi Prestazioni.
  5. Nella parte superiore della pagina, selezionare un intervallo di date per il rapporto e cliccare su Applica.

Le metriche sono disponibili per il download e tramite l’API. Chi ha una sola attività può scaricare le statistiche all’indirizzo https://business.google.com/locations; chi gestisce più profili aziendali deve invece seguire la procedura per accedere alle statistiche in blocco.

La cronologia delle chiamate ricevute

Gli utenti statunitensi stanno provando in anteprima e in beta un’altra funzione, chiamata Call history, che è in pratica una cronologia delle chiamate ricevute dall’attività attraverso la scheda locale di Google My Business.

Grazie a questa feature è possibile tenere traccia delle telefonate dei clienti che hanno trovato l’attività su Ricerca Google e Maps e cliccato sul pulsante “chiama”, così da avere la possibilità di ritrovare tutte le telefonate ricevute, scoprire le chiamate eventualmente perse e rimanere impegnato con i propri clienti.

Tutte le chiamate ricevute attraverso il profilo dell’attività, ricorda la pagina della guida, “inizieranno con un breve messaggio che ti informa che proviene da Google”.

Prova SEOZoom

7 giorni di Prova Gratuita

Inizia ad aumentare il tuo traffico con SEOZoom!
TOP