Google e video: analisi sulla presenza in Search e altre novità in arrivo

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

È una tendenza che ormai prosegue da tempo, e che abbiamo evidenziato anche nel nostro studio sulle feature che compaiono tra i risultati organici di Google (e che sottraggono sempre più spazio ai link): sul motore di ricerca c’è una presenza crescente di caroselli video, posti in posizione di rilievo per invitare e incentivare gli utenti al clic. Un’analisi statunitense ha approfondito la composizione di questi carousel e ha confermato il predominio totale di YouTube come piattaforma preferita: ecco tutti i numeri e le novità in arrivo per i video su Google.

Video nelle SERP di Google, domina sempre YouTube

La ricerca è stata condotta da John Shehata e si basa sull’analisi di SERP di Google News e Google mobile negli Stati Uniti per milioni di URL nel 2020.

In sintesi, emerge che YouTube è il principale editore presente in Google News, dove l’11% dei contenuti totali arrivano proprio dalla piattaforma video, con una visibilità dei contenuti è pari all’8,07% di tutti i contenuti di Google News.

È quasi monopolio sulle SERP mobile, dove l’85% di tutti i link video per le notizie e le keyword di tendenza sono video di YouTube, mentre i contenuti di piattaforme social – in particolare Facebook e Twitter – rappresentano insieme il 2,5% dei collegamenti video totali.

L’importanza dei video

Nell’epoca di quella che è stata definita attention economy, la produzione di video “è uno dei flussi più importanti a cui ogni editore dovrebbe prestare attenzione”, anche per generare entrate e monetizzare da canali diversi, spiega l’autore della ricerca.

Per molti però è difficile riuscire a far emergere i propri contenuti per una serie di fattori, come un CPM elevato e superiore a quello degli annunci display, a cui si aggiunge anche questa predominanza di altri prodotti Google, come appunto YouTube.

Ad ogni modo, la visibilità dei contenuti dei video in Google News e nelle SERP di Google offre ancora diverse opportunità di cui l’editore può trarre vantaggio.

Lo studio sui video in Google News

Sappiamo che Google News ospita contenuti di migliaia di editori negli Stati Uniti e in tutto il mondo e sono in tanti gli operatori del settore che si sforzano di essere inclusi e ottimizzano i propri siti di notizie per questo canale.

Comparire in Google News è infatti un’indicazione di autorità – anche se ora non c’è più una richiesta di iscrizione da fare, ma è la piattaforma che seleziona automaticamente le fonti dal Web – anche se il vero traffico arriva piuttosto da Google To