Non si ferma lo sviluppo di nuove soluzioni per le pagine AMP, lo strumento pensato per ottimizzare la navigazione mobile e per rendere i siti più mobile friendly, alleggerendo i contenuti onsite senza intaccare l’user experience. Le ultime release in questo senso sono l’aggiornamento del plugin WordPress per AMP Accelerated Mobile Pages, che integra le funzioni per creare le utili AMP Stories.

Cosa sono le AMP Stories

Come succede quasi su tutti i social, il progetto AMP ha dato vita alle stories, storie che consentono di lanciare esperienze a tutto schermo sui display dei lettori con caricamento rapido. Le AMP Stories sono contenuti informativi e di attualità di tipo visual realizzato con animazioni coinvolgenti e interazioni cliccabili, pensati per la distribuzione di notizie su dispositivi mobili.

Il plugin WordPress per AMP

Il format è gratuito e integrato anche nelle piattaforme CMS come WordPress, grazie a uno specifico plugin che di recente è stato aggiornato per migliorare le prestazioni e l’integrazione della risorsa su ogni sito. Un’altra caratteristica interessante e utile delle storie AMP è che possono essere condivise e incorporate sul Web perché non sono vincolate a un ecosistema chiuso o a una piattaforma specifica.

I vantaggi delle storie AMP

La pagina del progetto AMP dedicata alla descrizione delle Stories sintetizza in 7 punti i vantaggi di questo sistema:

  1. Creazione di contenuti belli ed engaging

Le AMP stories rendono più semplice la realizzazione di storie dal punto di vista tecnico.

  1. Flessibilità creativa per offrire libertà editoriale e branding

Il formato delle storie AMP include template layout predefiniti ma flessibili, controlli dell’interfaccia UI standardizzati e componenti per la condivisione e l’aggiunta di contenuti di follow-on.

  1. Possibilità di condividere e collegare sull’open Web

Come detto, le stories fanno parte del Web aperto e possono essere condivise e integrate in siti e app senza essere limitate a un singolo ecosistema.

  1. Dati di tracking e misurazione delle prestazioni

Il sistema supporta funzionalità di analisi e bookend per la condivisione virale e la monetizzazione.

  1. Velocità nei tempi di caricamento

Seguendo la filosofia del progetto, le AMP stories si caricano velocemente per coinvolgere e intrattenere meglio la propria audience.

  1. Storytelling coinvolgente

Le stories sono un modo nuovo e moderno per raggiungere i lettori.

  1. Forte supporto per advertising

Le AMP Stories consentono la monetizzazione per gli editori che utilizzano pubblicità immersiva a schermo intero e link di affiliazione. Per gli inserzionisti, sono un modo per raggiungere un pubblico unico all’interno di una nuova esperienza di storytelling.

Inoltre, rispetto alle altre forme di stories disponibili sulle varie piattaforme social, le storie AMP altri vantaggi concreti per chi le realizza: la loro struttura è simile al formato HTML (e quindi in grado di supportare più tipi di file), sono ospitate sul Web, con indicazione dell’Url del sito (e non sul sistema chiuso del social network), e sono indicizzabili su Google o raggiungibili tramite link diretto.

Come funzionano le AMP stories

Le storie di AMP sono realizzate con media visivamente ricchi e consentono di utilizzare immagini, video o risorse GIF, che riempono gli schermi dei lettori con un’esperienza fluida e coinvolgente. A questi possono essere aggiunti anche contenuti testuali e audio brevi (sia messaggi vocali che musica di sottofondo), ideali per la fruizione da dispositivi mobile. Alla fine della storia è possibile, anzi consigliabile, inserire i link per la condivisione social e per articoli correlati, in modo che gli utenti possano condividerli o approfondire altri articoli sul sito.
Storie di Amp

Gli esempi di storie AMP

Tra gli esempi di AMP stories mostrati nella pagina ufficiale, possiamo vedere l’uso che hanno fatto di questo strumento dei colossi come BBC (per un articolo veloce sulla conquista della Luna), il giornale The Washington Post (reazione al discorso del tradizionale speech “The State of the Union” del presidente degli Stati Uniti), la rivista USA Today (un approfondimento sul girl power nella musica) e ancora PC GamesN (con microvideo di presentazione di alcuni videogiochi di prossima uscita).

La monetizzazione con le AMP stories

Queste risorse possono essere usate anche per la monetizzazione diretta: le Story Ads sono presentate come annunci a pagina singola e intera visualizzati all’interno di AMP Stories, con immagini, video e animazioni. Gli inserzionisti e gli editori possono invitare gli utenti a collegarsi a una pagina Web, a una pagina AMP o un’app con un singolo tap, e al momento le Story Ads sono supportate da Google Ad Manager e Google DV360 (Beta), ma sono previste novità in arrivo.

Le AMP stories in Google Search

E in tema di novità in arrivo, chiudiamo parlando di una notizia rilanciata nel corso dell’ultimo evento Google I/O di maggio: a breve nel sistema Search potrebbe comparire una sezione pensata specificamente alle AMP stories con il posizionamento in un carousel specifico riservato inizialmente solo ad alcune categorie di contenuti. Le storie AMP su Google dovrebbero infatti riguardare inizialmente categorie come gaming, fashion, ricette, film e programmi TV, secondo quanto anticipato da Mountain View, ma l’elenco è destinato ad estendersi.