Analisi dei Google update di marzo 2024: winner e loser

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Partiamo dai fatti noti: lo scorso 5 marzo Google ha ufficialmente rilasciato due update in contemporaneaMarch 2024 Core Update e March 2024 Spam Update – che ovviamente hanno rimescolato un po’ le classifiche su scala globale. Gli effetti sulle SERP italiane sono arrivati un po’ in ritardo, ma comunque sono stati sensibili, e partendo dal monitoraggio del nostro Osservatorio SERP di SEOZoom abbiamo analizzato qual è stato l’impatto concreto di questi due update sui siti posizionati su Google Italia, individuando quindi chi ha guadagnato traffico e posizioni e quali siti sono invece crollati dopo gli aggiornamenti.

Aggiornamenti di Google di marzo 2024, analisi della situazione

La prima difficoltà nell’analisi dell’impatto delle modifiche di Google sulle SERP sta nel fatto, appunto, che gli interventi sono stati due e a spettro piuttosto ampio.

L’aggiornamento anti-spam, che è stato completato dopo circa due settimane (e quindi lo scorso 20 marzo) ha preso di mira nuovi comportamenti illeciti quali la produzione su larga scala di contenuti di bassa qualità o non originali, l’uso illecito di domini scaduti e l’abuso di reputazione del sito ospitante.

Non temere più gli update!

Con gli strumenti di SEOZoom hai i dati e gli insight utili per ottimizzare i tuoi contenuti e metterti al riparo dagli aggiornamenti algoritmici
Registrazione

Oltre alle variazioni algoritmiche, le policy anti-spam hanno provocato anche un altro effetto collaterale: Google ha infatti avviato numerose azioni manuali per affrontare i problemi legati allo spam puro, e al proposito uno studio di Originality ha rilevato un’impennata di siti web deindicizzati completamente – con forte correlazione con l’uso improprio di Intelligenza Artificiale, visto che il 100% di tali siti pubblicava almeno alcuni post generati da intelligenza artificiale e, soprattutto, la metà dei siti avevano il 90-100% dei post creati solo da intelligenza artificiale.

È invece ancora in atto il core udate – in effetti Google ha anticipato che l’implementazione sarebbe durata circa un mese, il doppio rispetto al solito – che ha interessato le valutazioni sulla definizione di “contenuto utile“, inserite ora nei sistemi di ranking principali di Google. Il suo impatto sulle SERP è stato comunque consistente, con varie fluttuazioni nelle classifiche, come si vede anche nei nostri grafici.

Winner e loser: lo studio di SEOZoom sugli effetti degli update di Google

A complicare il quadro, poi, è che alla volatilità si è aggiunta anche una mole sensibile di inversioni, ovvero di siti che registrano perdite improvvise seguite da recuperi immediati o, viceversa, di picchi positivi e altrettanto rapidi cali.

Anche per questo motivo, quindi, bisogna dar credito al consiglio giunto dal Search Liaison di Google, Danny Sullivan, che ha invitato i SEO alla pazienza e alla cautela, sottolineando l’importanza di attendere il completamento dell’aggiornamento prima di apportare modifiche significative alle proprie pagine che hanno perso ranking per provare a recuperare il traffico e la visibilità.

Ad ogni modo, anche alla luce del completamento dello spam update, con SEOZoom abbiamo estrapolato alcuni dati preliminari sui siti che hanno beneficiato di questi update o che hanno perso ranking.

Come informazione di metodologia, abbiamo interrogato tutto il nostro database per individuare domini che hanno avuto variazioni di traffico nel periodo “a cavallo” degli update, escludendo però attività non correlate agli aggiornamenti – come ad esempio stagionalità, sbalzi “normali” per la tipologia di sito, effetti di migrazioni eccetera. Inoltre, un successivo check ci ha consentito di ridefinire ulteriormente la lista per concentrarci solo su siti con almeno 1000 keyword posizionate su Google, di modo che la variazione di traffico non dipendesse appunto solo da oscillazioni di poche parole chiave.

I siti che hanno perso di più

Iniziamo dall’elencare i dieci siti che sono stati colpiti più intensamente dagli update di Google, perdendo ranking e traffico in modo significativo.

Il calo di mypersonaltrainer

È il caso di My Personal Trainer, rilevante sito specializzato in tematiche del benessere e della forma fisica, che in pochi giorni ha perso quasi 11 milioni di visite stimate, pari circa al 25% del volume totale.

Tendenza in calo per la Zoom Authority di MyPersonalTrainer

Inoltre, il dominio ha anche perso un punto di Zoom Authority (da 86 a 85) ed è calato al 16esimo posto nella classifica assoluta dei siti più influenti in Italia.

Il calo di dizionari.corriere

Notevole anche il calo di dizionari.corriere.it, sottodominio dello storico quotidiano italiano dedicato appunto alle voci del dizionario: meno 30%, perché prima dell’update il suo traffico stimato era di 16.110.506 mentre ora è sceso a 11.253.489, con un punto percentuale in meno.

Il calo di deepl

Al terzo posto tra le variazioni più consistenti in termini percentuali troviamo Deepl, servizio di traduzione automatizzato, gratuito e multilingue (che forse sta perdendo visibilità e utilità anche a causa della diffusione globale di ChatGPT), passato rapidamente da un traffico superiore a 15 milioni agli attuali 11,3 milioni (meno 24%), con conseguente perdita di un punto di ZA.

il calo di thewom

Allargando il quadro dell’analisi salta agli occhi anche il downgrade complessivo di The Wom, il “social magazine per le nuove generazioni di donne” del gruppo Mondadori, che ha riscontrato cali sia per il dominio principale (da circa 3 milioni di visite a 2 milioni) che per alcuni sottodomini, come healthy.thewom.it (quasi il 40% di perdite, da un volume di traffico di 5.346.354 a 3.256.675!) o travel.thewom.it.

Il calo di mercati.ilsole24ore

Tra i siti in ribasso dopo il March 2024 Core Update di Google ci sono poi mercati.ilsole24ore.com (che perde un punto di ZA e 15% di traffico), sottodominio de Il Sole 24 Ore ancor più verticale su finanziarie e sui mercati azionari in tempo reale; www.today.it, noto portale informativo, che invece perde due punti di ZA e il 50% di traffico (ma in un andamento piuttosto incostante di posizionamenti storici); www.immobiliare.it, il sito di annunci di agenzie immobiliari e privati, che in pochi giorni ha visto calare il traffico di un milione di visite e ha perso un punto di ZA.

Il calo di nostrofiglio

Colpiti negativamente dall’update anche altri due siti della galassia Mondadori e Corriere: nel primo caso, www.nostrofiglio.it perde quasi 1 milione di visite, scendendo anche al 13esimo posto della “categoria Bambini, Genitori e Famiglia”. Nell’altra situazione, il dominio è www.iodonna.it, che è calato di mezzo milione di traffico e di un punto di ZA.

Il calo di tuttogreen

Da segnalare, infine, la (progressiva) discesa di Tuttogreen, uno dei siti più noti e riferimento per la nuova Green Economy: solo con l’ultimo update c’è stato un crollo del 78% di volume di traffico (in pratica, perdita di tre quarti di visite da un giorno all’altro o quasi!), ma già da qualche tempo il dominio era uscito dalle grazie di Google, se pensiamo che appena un anno fa, a fine marzo 2023, il suo volume di traffico stimato era di 4.673.564 e la ZA di 75 – oggi è a 215.846, con ZA di 61.

Tendenza in calo per la Zoom Authority di tuttogreen

I siti che hanno guadagnato di più

Andiamo adesso dall’altra parte della barricata per scoprire quali sono i 10 siti che invece hanno beneficiato positivamente del March 2024 Core Update, facendo registrare incrementi notevoli di traffico e visite stimate.

I grafici in salita di Amazon

Il primo nome è Amazon.it, che ha guadagnato solo 10 punti percentuali che, guardati in termini meramente quantitativi, equivalgono a un balzo di oltre 11 milioni di visite rispetto all’ultimo check pre-aggiornamento!

I grafici in salita di eBay

Da un colosso dell’e-Commerce a un altro, perché anche www.ebay.it è tra i vincitori di queste settimane: il marketplace ha guadagnato 1 punto di ZA e 1 milione di traffico, superando quota 11,5 milioni.

I grafici in salita di it.pornhub

Notevoli anche i risultati di it.pornhub.com, che ha un grafico con picchi altissimi: più 55% di traffico (oltre 20 milioni di incremento) e due punti di ZA in più rispetto a febbraio, che portano il noto sito con contenuti adult al 10° posto assoluto tra i siti più influenti in Italia. Bene anche uno dei (tanti) competitor del settore, ovvero ita.xhamster.com, che ora vanta un traffico stimato superiore agli 8,5 milioni e una ZA di 77.

I grafici in salita di Humanitas

Proseguiamo con www.humanitas.it, sito di riferimento dell’ospedale policlinico privato ad alta specializzazione di Rozzano, che ospita anche un centro di ricerca clinica e scientifica e la Humanitas University: anche qui notiamo un aumento di 1 punto di ZA e di un milione di traffico stimato, pari al 10%.

I grafici in salita di fattoincasadabenedetta

Ha festeggiato dopo l’update anche www.fattoincasadabenedetta.it, il sito di ricette di Benedetta Rossi, che ora ha raggiunto il quarto posto nel settore “cucina” grazie anche a una variazione positiva di circa il 10% nel traffico stimato. Entra nella top ten della stessa categoria www.lacucinaitaliana.it, con un +20% di volume di traffico e un balzo di due punti nella ZA, ora a quota 75.

I grafici in salita di gazzetta

È circa mezzo milione il traffico stimato guadagnato da www.soldionline.it, che fortifica anche la sua ZA di un punto, mentre www.gazzetta.it si conferma ai primissimi posti tra i siti d’informazione italiana, non solo in ambito sportivo, con un ulteriore balzo di circa 4 milioni di volume di traffico stimato e un punto di ZA in più.

I grafici in salita di reverso

Interessanti, infine, i movimenti che riguardano la nicchia delle traduzioni: qui sono significativi i miglioramenti di reverso.net e di traduzioni-asseverate, che conquistano grande visibilità nel settore.

Grafici in salita di traduzioni-asseverate

Nello specifico, il database francese Reverso ottiene un milione e mezzo di visite in più (e anche il sottodominio context.reverso vola alto, post-update!), mentre il progetto dell’agenzia di traduzione Giuritrad, specializzato nel settore delle traduzioni asseverate (ovvero quelle con valore legale e ufficiale, in Italia o all’estero), si è fatto largo anche per query e keyword più generiche e generaliste, come “traduzione in inglese” o “traduttore italiano portoghese”.

Analisi keyword in salita di traduzioni-asseverate

L’analisi dell’update: impossibile individuare un pattern

Cosa ci dicono questi dati? Abbiamo provato ad analizzare in dettaglio le variazioni per individuare possibili chiavi di lettura e di interpretazione del lavoro degli algoritmi di Google, ma ovviamente non è stato possibile individuare alcun pattern certo.

Registrazione

Sei stato colpito dall’update?

Analizza il tuo sito e scopri dove intervenire per recuperare il traffico

Ci sono alcune variabili frequenti che abbiamo notato sui siti calati, come ad esempio punteggi bassi per i Core Web Vitals (soprattutto per INP, l’ultima metrica inserita dal 12 marzo 2024), presenza di un numero significativo di banner o di annunci interstitial che, in particolare da mobile, ostacolano la visualizzazione del contenuto. Tuttavia, questi elementi ritornano a volte anche nei siti che hanno guadagnato traffico dopo l’update, e quindi non sono un segnale di correlazione effettivo.

Allo stesso modo non è possibile fare una semplice verifica dei siti per settore per capire se i guadagni di un dominio corrispondono alle perdite di un altro, anche se è interessante notare che ci sono evidenti sovrapposizioni di tematiche tra i winner e i loser – come nel caso delle traduzioni o della salute. Questa tendenza è comunque in linea con le parole guida di Google, secondo cui un sito colpito negativamente da un Core Update non ha necessariamente “fatto qualcosa di sbagliato”, ma è stato superato da chi “ha fatto meglio” secondo le nuove valutazioni algoritmiche.

Iscriviti alla newsletter

Prova SEOZoom

7 giorni di Prova Gratuita

Inizia ad aumentare il tuo traffico con SEOZoom!
TOP