Siti di salute, ma anche news, traduzioni, musica e streaming: il May 2020 Core Update di Google ha colpito in maniera trasversale molti settori e grazie ai dati della nostra suite possiamo scoprire alcune macro-tendenze curiose legate all’ultimo aggiornamento degli algoritmi di ricerca di Google.

Una premessa che vale per tutti i settori qui analizzati: al contrario dell’indagine sugli effetti del Coronavirus sulle ricerche organiche, in questo caso il calo non è legato a una riduzione delle ricerche degli utenti, ma a un rimescolamento delle classifiche dovuto alle modifiche algoritmiche, che hanno quindi premiato altri risultati e siti rispetto a quelli precedentemente posizionati, come dicevamo anche negli altri articoli su questo argomento.

Il crollo dei siti di salute

Uno dei dati che salta maggiormente agli occhi è la caduta di Mypersonaltrainer, uno dei colossi del web italiano, attualmente al numero 16 nella classifica di SEOZoom con Zoom Authority 85: al 3 maggio, giorno immediatamente precedente al rilascio ufficiale dell’update, il sito poteva contare su un traffico organico stimato di oltre 22,1 milioni di visite grazie al posizionamento di 1,1 milioni di keyword.

Il grafico SEOZoom di mypersonaltrainer

Come si vede dal grafico, è poi iniziato un calo abbastanza netto, che ha portato già al 9 maggio a un volume di traffico stimato a 20,5 milioni (con keyword pressoché stabili) fino ad arrivare a quota 19,5 milioni il 27 maggio, con una perdita pari circa all’11 per cento.

Il grafico SEOZoom di doveecomemicuro

Forti oscillazioni negative, sempre nel settore salute, sono registrate anche per altri domini piuttosto forti (tutti con ZA tra 60 e 70) come Doveecomemicuro, Medicitalia, ok-salute, Farmacoecura, Albanesi e ValoriNormali (che appartiene al network di Mypersonaltrainer), che hanno tutti perso due o tre punti di Zoom Authority in meno di un mese.

L’impatto dell’update sui siti movies, tv, streaming

Molto intense anche le flessioni per alcuni dei siti più noti della (ampia) categoria di movies, tv e streaming, che mette insieme sia piattaforme che consentono la riproduzione (ovviamente legale) di film e serie TV che portali di informazione.

Il grafico SEOZoom di ComingsoonA crollare è innanzitutto Comingsoon.it, che in poche settimane ha perso due punti di ZA (da 85 a 83) e ha raggiunto la posizione 35 nella classifica di SEOZoom. Il grafico mostra la caduta del noto sito giornalistico online dedicato a cinema, ai film e serie in TV e all’intrattenimento in generale: al 3 maggio, le metriche davano un volume di traffico stimato vicino ai 14 milioni (già in decremento, per la verità) e 657mila parole chiave posizionate, e già al 9 maggio il volume era calato a 11,7 milioni mentre ora è a 10 milioni, ovvero -28 per cento rispetto alle fasi pre-update.

Effetto negativo anche per alcuni competitor diretti: Film.it ha praticamente dimezzato il volume di traffico organico (da 2,6 milioni del 27 aprile agli attuali 1,3, con perdita netta di ben 4 punti di ZA in un mese, da 75 a 71), così come Superguidatv (da 2,3 milioni a 1,1). Ancora peggiori le performance di Movieplayer, che prima dell’aggiornamento aveva un traffico di 4,8 milioni e ora invece la stima è di 2,2 milioni, vale a dire meno 55 per cento.

Il segno meno accomuna anche altri siti di settore: Trovacinema.repubblica e TvZap.kataweb hanno perso all’incirca il 20 per cento di traffico, e giù sono andati anche Filmtv, Tvblog, Popcorntv, Tv.Fanpage e Ivid. Tutti siti che, nonostante il colpo subito, rientrano nel gruppetto dei primi 1000 domini italiani classificati da SEOZoom.

Rivoluzione nelle SERP di musica

Forti oscillazioni si registrano anche per la categoria della musica – anche in questo caso, sia per le informazioni che per la riproduzione in streaming che, soprattutto, per il servizio di ricerca dei testi delle canzoni.

Il grafico SEOZoom dei siti musicaliProprio in quest’ultima nicchia possiamo osservare le variazioni più nette: Testicanzoni.mtv e Angolotesti perdono oltre un milione di visite a testa subito dopo l’update. Il progetto dell’emittente americana passa da un volume stimato di quasi 5 milioni del 27 aprile a circa 3,6 milioni attuali (con un calo netto del 25 per cento anche delle keyword posizionate), mentre il sito italiano – tra i più longevi del comparto – perde circa 900mila visite e il 28 per cento delle parole chiave.

Altri portali colpiti dall’update di Google sono wikitesti e musicxmatch – restando al segmento dei testi delle canzoni – e poi ancora Allmusic, Last.fm, Discogs, Musictory, 105.net e addirittura Spotify, il notissimo servizio di streaming musicale, e Music.Apple, la piattaforma di Cupertino.

Gli effetti dell’update di Google su gossip e tematiche femminili

La nostra analisi con SEOZoom mette in risalto anche un altro settore molto interessato dall’aggiornamento algoritmico di Google, ovvero quello che raggruppa siti di gossip e, più in generale, di tematiche prettamente femminili.

Il grafico SEOZoom di donnamodernaIl caso più emblematico è quello di DonnaModerna, che in meno di un mese ha perso circa 1 milione di visite stimate e un punto di ZA: al 3 maggio, la nostra suite stimava valore del traffico in 3,2 milioni, mentre ora il dato è crollato a 2,4 milioni. Trend negativo anche per il sito di un’altra storica rivista femminile, Grazia, che passa da 1,1 milioni a circa 800mila.

Altro crollo poderoso è quello del portale Supereva, che prima dell’update faceva registrare un volume stimato di 2,6 milioni e attualmente è arrivato a quota 1,9 milioni (dopo un picco negativo fino a 1,4 milioni intorno alla metà di maggio).

Vanno giù con varia intensità anche altri domini della categoria, come Donnaglamour, GossipeTv, LeiTv, Caffeinamagazine, Stile, Pourfemme, DonnaD, Deabyday e Bigodino, che restano comunque nel gruppo dei primi mille siti italiani (o poco sotto).

Cambiano le SERP per cucina e ricette

Forte volatilità si segnala anche per un argomento per così dire correlato alle tematiche rosa, ovvero l’ampio settore di cucina e ricette.

I losers dopo l’update di Google sono alcuni siti molto noti, a cominciare da GialloZafferano, Fattoincasadabenedetta, Cookaround, Buttalapasta e Dissapore.

Il grafico SEOZoom di giallozafferanoIl grafico di GialloZafferano è quello dove si nota il calo più intenso: il sito passa da un volume di traffico stimato di 2,6 milioni a fine aprile agli attuali 2,2, perdendo anche un punto di ZA (ora a 73). Meno nette le curve in basso degli altri domini, che comunque pagano dazio alle modifiche algoritmiche di Google, che ora privilegia altri risultati nelle SERP legate a ricette, alimenti e cucina.

Attinente al tema food è da registrare anche il caso di The Fork, noto sito di prenotazione di ristoranti, che ha perso circa il 25 per cento di traffico.

Oscillazioni per i siti di informazione e news

C’è un altro settore in cui l’aggiornamento algoritmico di maggio ha colpito nomi di spessore: nel campo dell’informazione e delle news sono infatti in discesa i grafici di notissime testate nazionali, di portali editoriali online e anche di siti di attualità locale, che prima avevano una forte autorità e godevano (maggiormente) dei favori di Google.

Il grafico SEOZoom di RepubblicaIl caso più emblematico è quello di Repubblica, che ha vissuto una situazione curiosa: come si vede dal grafico, il famoso giornale aveva traffico in picchiata già prima dell’update e, nella fase iniziale dei movimenti post-aggiornamento, ha addirittura ottenuto un incremento di traffico (intorno al 9 maggio). Il 9 aprile il sito aveva un traffico stimato di 22,1 milioni, sceso a 15,5 milioni il 3 maggio (meno 30 per cento) e risalito a 18,6 milioni il 9 maggio, appunto; successivamente, però, il volume è tornato a decrescere con forza e ha raggiunto il picco negativo intorno al 15 maggio (13 milioni, nuovamente meno 30 per cento in una sola settimana), per poi risollevarsi leggermente negli ultimi giorni e toccare attualmente quota 13,2 milioni.

È come se l’aggiornamento avesse inizialmente premiato le pagine di Repubblica che però non si sono dimostrate all’altezza delle valutazioni di Google, che ha nuovamente orientato in modo diverso le sue SERP. Attualmente, comunque, il portale ha comunque ZA 83 ed è al 30esimo posto nella classifica di SEOZoom.

Scossoni nel settore delle notizie di attualità

Ha perso invece il 19 per cento di traffico il sito dell’Ansa, la più famosa agenzia di stampa nazionale, passato da un volume stimato di 10,5 agli attuali 8,5 milioni; oscillazioni negative anche per Tgcom24.mediaset e Libero quotidiano (che ha perso quasi il 50 per cento di traffico), che pure rientrano ancora tra i primi 100 siti italiani secondo SEOZoom, e per altri siti legati a testate giornalistiche cartacee come Avvenire e Il Foglio.

Il grafico SEOZoom dei siti newsGli altri domini afferenti al campo delle news che sono crollati dopo l’update sono di vario tipo: ci sono testate prettamente online come Theitaliantimes (che ha praticamente dimezzato il suo traffico in un solo mese), Affaritaliani, Blastingnews, UrbanPost, Ilsussidiario, Linkiesta e TPI, ma anche siti di informazione legata in modo specifico a un’area geografica, come Il Mattino (Napoli e Campania, riduzione del 38 per cento di traffico stimato), L’arena (Verona), Corriere dell’Umbria, Corriere Adriatico, NapoliToday e TrevisoToday.

Giù anche alcuni siti verticali di news

In discesa si notano anche alcuni domini di informazione fortemente verticali su un topic: nell’automotive, ad esempio, calano Motori.Virgilio e Autoblog; nello sport è Sport.Sky a subire il colpo (anche se poi sembra aver recuperato parte del traffico negli ultimi giorni, restando comunque a meno 10 per cento rispetto al 3 maggio); nella finanza – tema sempre molto attenzionato da Google – è in picchiata il grafico di Money.it, Italiaoggi, Quifinanza, BusinessInsider e Finanzaonline.

I siti di turismo e l’update

Il May 2020 Core Update non ha risparmiato il settore del turismo, modificando in maniera più o meno pesante il posizionamento di alcuni grandi player.

Il grafico SEOZoom di Turismo.itCominciamo da Turismo.it, il portale di proprietà del gruppo Gedi Digital (che possiede, tra gli altri, anche Repubblica e La Stampa), che tra il 2 e il 20 maggio ha perso il 20 per cento di traffico stimato, prima di riprendere una leggera salita e attestarsi su un volume di traffico di 520mila visite (erano 650mila prima dell’update).

Molto oscillante anche il grafico di SiViaggia, sito di informazione turistica che ha perso circa 400mila visite stimate a causa dell’aggiornamento, mentre Viagginews ha visto quasi dimezzare il suo volume di traffico in appena tre settimane, segnando ora un valore di 521mila.

Calano anche altri domini specializzati nel turismo, come Zingarate, Rome2Rio, Paesionline, Allwebitaly e anche LonelyPlanet.com, sito ufficiale (in inglese) della notissima guida, perde traffico e posizioni nelle SERP di Google.

Le variazioni nel settore shopping

Piuttosto movimentata anche la situazione nell’ampio segmento dello shopping online: calano siti di vendita diretta (ad esempio Shpock, che perde il 28 per cento di traffico, Drezzy e anche Etsy, che pure è uno dei big winner all’estero), ma anche siti di annunci (Goalad, Vivastreet) e di comparazione prezzi (Buonoedeconomico e anche uno dei leader del segmento, Trovaprezzi, che ha perso circa il 13 per cento di traffico).

Il grafico SEOZoom di doveconvieneIl peggior risultato è quello di Doveconviene, vetrina dei volantini delle offerte dei negozi fisici e online, che subisce un calo di traffico di quasi 500mila viste: il 27 aprile SEOZoom stimava un volume vicino ai 2 milioni, mentre ora si attesta a 1,5 milioni (in leggero rialzo dopo un picco negativo a metà mese). Il sito paga dazio anche in termini di Zoom Authority, scesa di due punti in un solo mese e ora a quota 72.

I loser nella categoria servizi e utilità

Il grafico SEOZoom di SostariffeGrande fermento nelle SERP legate a settori di servizi e utilità di vario tipo: il crollo più fragoroso è quello di SosTariffe, che ha perso in poche settimane quasi il 70 per cento del traffico stimato. La tendenza negativa era iniziata per la verità già verso la fine di marzo – il volume di traffico registrato da SEOZoom era di 2,6 milioni – e l’update ha accentuato la picchiata della curva, che ora punta verso 820mila visite. Netto anche il calo di Zoom Authority, passata da 75 al dato attuale di 70.

Il grafico SEOZoom di Gazzetta ufficialeColpiti dall’aggiornamento di Google anche altri domini afferenti a vario titolo a questo topic: Laleggepertutti, ImpresaItalia, Reteimprese, Kompass, Comuni-Italiani, Centrometeoitaliano pagano dazio alle modifiche algoritmiche del motore di ricerca. Differente il caso di Gazzetta Ufficiale – portale ufficiale della pubblicazione degli atti dello Stato italiano – che, dopo una prima fase di discesa a causa del core update (volume del traffico dimezzato tra il 3 e il 15 maggio) ha poi avuto una forte impennata, raggiungendo un livello di traffico di 1,8 milioni.

Giù anche molti siti di guide miste, come ad esempio Wikihow (meno 15 per cento di traffico), guide.supereva (quasi meno 40 per cento) e Teckoring. Interessante notare che il calo ha interessato anche alcuni domini verticali nel settore della ricerca lavoro, e in particolare Infojobs (passato da un volume di 1,2 milioni a 800mila), Jobbydoo e Ticonsiglio.

Colpiti i siti del settore immobiliare

Il grafico SEOZoom di casa.itUn altro caso particolare è quello del settore casa e home decor, anche in questo caso in senso molto largo. Calano infatti i siti per la ricerca di immobili, come Casa.it (meno 15 per cento) e Casa.Trovit, ma anche domini legati a informazioni domestiche come Wikicasa, Homify e Pgcasa e persino progetti editoriali su consigli di arredamento, come Designmag e Arredamento.it.

Gli effetti dell’update sui dizionari online

Il May 2020 Core Update ha stravolto i posizionamenti della nicchia dei dizionari online – sia i vocabolari italiani che i servizi di traduzione in altre lingue. Il calo più visto ha visto come protagonista dizionari.corriere: il suo volume è crollato da 6,3 milioni del 3 maggio fino agli attuali 5,2 milioni, circa il 17 per cento in meno per quello che resta comunque il 72esimo sito italiano secondo SEOZoom.

Il grafico SEOZoom dei dizionari online

Forte picchiata in basso anche per it.bab.la (meno 50 per cento e 3 punti di ZA persi, ora a 73!) ed Educalingo (meno 74 per cento e addirittura 7 punti di ZA in meno, ora scesa a 60), mentre contengono i danni Linguee, Collinsdictionary e it.dicios.

Fluttuazioni nei risultati su formazione e studio

Altro topic dove SEOZoom ha registrato varie oscillazioni nelle SERP è quello della formazione – sempre in senso piuttosto ampio: l’update ha interessato magazine come Controcampus (meno 16 per cento) e Studentville (meno 36 per cento di traffico stimato), ma soprattutto domini che forniscono servizi agli studenti.

Ci riferiamo in particolare a tesionline (che consente di scaricare tesi universitarie e altro materiale) e doc.studenti (database di materiale didattico vario, con appunti per studenti di ogni livello scolastico, dalle medie all’università), ma la performance più negativa in assoluto è quella di docplayer.it.

Questo dominio – presentato come una biblioteca di libri per gli esami, temi scritti e diversi manuali autodidattici – aveva un traffico stimato di 91mila visite al 3 maggio: immediatamente dopo l’update è iniziata la picchiata, e ora il grafico mostra un volume di appena 15mila visite, ovvero un decremento del 93 per cento. In meno di un mese, il sito ha anche perso ben 9 punti di ZA, crollata da 61 all’attuale dato di 52.

In calo siti di aforismi e libri

Non appartengono precisamente al settore formativo, ma rappresentano comunque una nicchia di appendice i siti che hanno come topic gli aforismi e i libri, che pure hanno avuto parecchie oscillazioni nelle ultime settimane post-update.

Il grafico SEOZoom di sololibriIl portale sololibri ha proseguito un trend negativo iniziato ad aprile: il 7 aprile vantava un traffico stimato di 1,4 milioni, già quasi dimezzato nel periodo immediatamente precedente all’aggiornamento di Google (868mila il 1 maggio) e poi progressivamente crollato per effetto del core update e arrivato attualmente a 633mila. In meno di due mesi, quindi, ha perso il 54 per cento del traffico stimato e 4 punti di ZA (ora a 67). Piccolo calo anche per Scribd, una delle più famose biblioteche online.

Meno netto il calo di domini che propongono aforismi e frasi utili per ogni occasione: pensierieparole prosegue una discesa lenta avviata nei mesi scorsi e segna meno 13 per cento di traffico solo nel periodo post-update), così come frasicelebri, mentre aforismi.meglio passa da una stima di 1,1 milioni di visite a 870mila, ovvero il 21 per cento in meno.

Update di Google e tecnologia, i siti in calo

Un altro settore verticale dove i segni delle modifiche algoritmiche di Google si sono fatti sentire con forza è quello della tecnologia a tutto tondo, tra portali di informazione e domini più verticali e specializzati.

Il grafico SEOZoom di AranzullaNel campo informativo, perde colpi anche il mitico Salvatore Aranzulla (circa il 10 per cento di traffico in meno per il sito numero 71 in Italia), così come altri suoi competitor a vario titolo: informarea, chimerarevo, tech.fanpage, webnews ed eurogamer sono tutti portali che trattano notizie legate a temi tecnologici, tra attualità e guide.

Segno meno anche per due siti di provider di servizi Internet – Tiscali e Fastweb – ma la nostra attenzione si sposta al segmento delle informazioni sul mondo dei dispositivi mobile, dove ci sono parecchie cadute di posizionamento e traffico, come androidiani, pianetacellulare e iphoneitalia.

Decremento di traffico per le utilità tech

L’update di maggio ha colpito anche una nicchia specifica legata alla tecnologia, ovvero i domini per scaricare software o servizi online di vario tipo.

Il grafico SEOZoom di siti di fotoÈ il caso dei database fotografici come Pixabay, Shutterstock e Depositphotos, che rispettivamente perdono il 16, il 18 e il 22 per cento, ma anche di database di download di software e applicazioni come SoftStore e Filehippo. In giù va anche lo store di Steam, il negozio online di videogame da scaricare per giocare sul proprio computer, che perde circa il 10 per cento di traffico.

Si smuovono anche i social

Qualche scossone interessante e rilevante arriva anche dal mondo delle piattaforme social: Twitter perde 2 milioni di traffico stimato (meno 22 per cento), Pinterest il 33 per cento, Reddit addirittura il 43 per cento e Yelp (che pure è un social particolare, legato esclusivamente alle attività commerciali) è crollato a un volume di appena 37mila visite (il 28 marzo era 10 volte maggiore!).

Il grafico SEOZoom dei social network

Variazioni nelle SERP hot

E, come ormai da tradizione, chiudiamo con il settore “a luci rosse”: anche il porno infatti ha subito gli effetti dell’update, che ha rivoluzionato il posizionamento (niente doppi sensi!) delle pagine e delle keyword di vari siti.

Il dominio Amaporn ha perso il 31 per cento di traffico, YouPorn il 21 per cento e Italianporn il 26 per cento, segno che questo May 2020 Core Update di Google non ha risparmiato praticamente nessuna categoria!