Dopo circa quindici giorni di elaborazione dei dati, il nostro report sull’impatto del Covid-19 sulle ricerche di Google è giunto a termine.

Qualche settimana fa avevamo già anticipato il nostro impegno in questa direzione, rilasciando una nuova funzionalità “Impatto Covid-19” nella sezione che ci permette di analizzare le parole chiave.

Come sono cambiati i volumi di ricerca

I volumi di ricerca, come li conoscevamo, sono stati completamente stravolti e vi spiego perché: quando analizziamo il volume di ricerca di una parola chiave, i motori di ricerca ci forniscono informazioni storiche sulle ricerche effettuate negli ultimi 12 mesi.

Sfortunatamente, con l’arrivo del Coronavirus quei dati sono stati totalmente invalidati: non potranno mai rispettare l’andamento dei 12 mesi precedenti in quanto è cambiato il mondo, sono cambiate le esigenze e le priorità degli utenti, quindi se non fossimo intervenuti ci saremmo trovati a lavorare su dati completamente inutili, seppure indicativi.

L’unico strumento attendibile per avere risultati in tempo reale

Con la funzionalità “Impatto covid-19” abbiamo fornito il primo strumento al mondo in grado di prevedere il volume di ricerca di ogni parola chiave in base ai trend di ricerca attuali. Sicuramente non saranno precisi come i volumi di ricerca che misurerà Google alla fine di ogni mese, i dati analitici sono dati reali, misurati giorno per giorno, i dati statistici (quelli a cui dobbiamo affidarci in situazioni del genere) si basano sulle previsioni, ma riteniamo che al momento siano l’unico strumento attendibile esistente per intervenire in tempo reale sulle nostre strategie di marketing, non ci interessa sapere i risultati quando sarà troppo tardi per prendere decisioni ed intervenire sui nostri siti web.

Lo studio sui settori online più colpiti dal Coronavirus

Partendo proprio dal lavoro svolto su ogni singola parola chiave abbiamo analizzato tutti i settori di appartenenza dei siti web italiani provando a misurare accuratamente l’impatto del covid-19 su ogni categoria e tipologia di sito web.

Il primo, ed ovvio, dato emerso è che le ricerche sono aumentate globalmente almeno del 40%, indipendentemente dal settore le persone utilizzano di più Google per informarsi. Stare a casa ci da molto più tempo per informarci e ricercare quello di cui abbiamo bisogno.

Ed è proprio quello il punto di partenza: “Di cosa ha bisogno la gente che sta a casa?”.

Le nuove priorità ed esigenze delle persone a casa

Dallo studio risulta che gli unici settori che hanno subito un reale calo dell’interesse sono quelli attualmente impossibilitati ad esercitare l’erogazione del servizio o prodotto, come il turismo, gli hotel, i voli, il settore automobilistico.

Per tutti gli altri settori c’è stato un aumento delle ricerche ma è fondamentale capire che le intenzioni dietro ad ogni ricerca sono completamente cambiate. Per capirci, molti settori riscontrano un aumento enorme delle ricerche, come nel caso dello sport, ma l’esigenza dell’utente è differente e sono differenti le keyword che dominano attualmente ogni singolo settore. Nel caso dello sport, ovviamente nessuno ha più interesse nelle partite di calcio in quanto non se ne disputano più, ma l’interesse si è spostato fortemente verso l’allenamento autonomo, i prodotti per allenarsi a casa e, per i più ottimisti, verso gli sport invernali, la pesca (che permette maggiore isolamento) e la corsa.

I dati di SEOZoom sull’impatto del Covid-19 sulle ricerche organiche

Bene, non voglio spoilerarvi altro, passiamo ai dati mostrandovi l’impatto del Coronavirus sulle ricerche organiche che abbiamo effettuato nel mese di aprile. Lo studio si basa sull’analisi di ricchi campioni di parole chiave per ogni settore di appartenenza e non su analisi di keyword su Google Trends che potrebbero essere fatte anche manualmente da chiunque, in quel caso lo studio sarebbe stato povero e basato solo su quello che potevamo intuire in base alla nostra esperienza.

Ci tengo a precisarlo perché questo studio non parte dalle nostre supposizioni, ma dall’analisi dei dati migliori che avevamo a disposizione, senza alcuna previsione di quello che sarebbe stato il risultato finale, ed è proprio per questo che ritengo che abbia grande valore: ci sono molte sorprese e settori insospettabili che sono in forte crescita.

Impatto Covid-19 sui settori di mercato

Come è facile intuire, il settore cresciuto maggiormente riguarda la casa, dove siamo confinati, ed il settore viaggi è assolutamente quello più colpito essendo impossibilitati negli spostamenti.

Di seguito mostreremo il dettaglio delle categorie di ogni singolo settore in quanto, come potrete notare, anche settori in calo hanno alcuni aspetti (categorie) in forte crescita in quanto l’interesse degli utenti non è scemato, è semplicemente rimandato e quindi ci si informa e si fanno ricerche per quando tutto sarà finito.

Impatto Coronavirus sul settore Arte e Intrattenimento

Salterà subito alla vostra attenzione la categoria “Moda e Sfilate“, è accaduto anche a me e sono andato a verificare manualmente i dati per provare a capire se ci fosse un errore e così non era. In realtà, anche se tutto quello che riguarda le sfilate è praticamente crollato, gli utenti ci tengono al proprio aspetto, ricercano prodotti di moda da acquistare online e provano a mantenere quella parvenza di normalità ricercando tutto quello che riguarda il look personale, tagli di capelli particolari, probabilmente per iniziare una nuova era del fai da te del look.

La stessa situazione mi è capitata in svariati settori ed ogni volta il probabile errore è stato smentito analizzando le ricerche degli utenti: la gente non rinuncia alla normalità, ma deve provvedere in autonomia, si informa ed agisce.

Questo vi servirà sicuramente come suggerimento – se operate in determinati settori – per provare ad individuare il focus giusto, la miniera d’oro che porta visite anche in settori disastrati (al momento).

Impatto Coronavirus sul settore Auto e Veicoli

Come potete notare, è crollato tutto quello che ad oggi non è fruibile, quello che non possiamo ottenere, ma l’interesse per il settore è cresciuto, si cercano informazioni, gli utenti vogliono trovarsi pronti per soddisfare la propria passione alla fine dell’era-Covid.

Impatto del Coronavirus sul settore Bellezza e Fitness

Palestre chiuse! Centri benessere chiusi, tutto chiuso, ma gli italiani ci tengono al proprio aspetto e le ricerche aumentano, quello che cambia è il metodo di fruizione anche in questo contesto.

Impatto del Coronavirus sul settore Libri e Letteratura

Ovviamente, questi dati non necessitano di alcun commento: tutti stiamo studiando qualcosa e stiamo impegnando il nostro tempo leggendo qualcosa di interessante per sfruttare il periodo di stop.

Impatto del Coronavirus sul settore Affari e Industria

Anche in questo caso, gli utenti provano a non farsi mancare quello che desiderano ed amano, anzi lo ricercano più di prima, ma sfortunatamente l’immobiliare (non fruibile fisicamente) ha subito un tracollo notevole.

Impatto del Coronavirus sul settore Carriera ed Educazione

Per quanto riguarda il lavoro e la carriera ci sarà da attendere momenti migliori, ed i volumi di ricerca individuati da SEOZoom lo rendono ancora più evidente. Oggi l’unica alternativa è uscirne più forti di prima, più preparati, più forti per il momento in cui la tendenza di queste categorie si invertiranno.

Impatto del Coronavirus sul settore Computer ed Elettronica


Inutile aggiungere considerazioni: ormai passiamo molto più tempo al PC e online, il settore che già primeggiava rispetto agli altri, ha avuto un’ulteriore crescita (forzata) di interesse da parte degli utenti.

Impatto del Coronavirus sul settore Finanza

Questa analisi è quella che, devo ammetterlo, mi ha portato un velo di tristezza.

La situazione attuale mostra due tipologie di utenti: chi ha conservato, ha denaro immobile e vuole investire per farlo fruttare in questa situazione instabile, e chi invece non riesce a sopravvivere e deve ricorrere a prestiti per sostenere la propria famiglia.

Ovvio il calo delle assicurazioni (oramai non circola quasi nessuno in auto) e di tutto quello che riguarda le banche fisiche.

Impatto del Coronavirus sul settore Cibo e Bevande

Avrete notato tutti che, qualsiasi lavoro facessi prima, in periodo di quarantena sei un candidato per fare il FoodBlogger. Personaggi famosi di qualsiasi settore in diretta Facebook o Instagram per preparare anche dei semplci popcorn 🙂

Il fai da te in casa è uno dei settori che ha riscontrato la crescita maggiore nel periodo di quarantena ma, ovviamente, tutto quello che richiede una presenza fisica ha subito un enorme calo, come per i ristoranti.

Impatto del Coronavirus sul settore Gambling

Il vizio del gioco è una brutta grana: se proprio non puoi giocare al superenalotto o scommettere sulle partite di calcio, allora ti riversi su qualsiasi altra modalità per scommettere e giocare denaro online.

Impatto del Coronavirus sul settore Giochi

Anche se chiusi in casa, qualcosa dovremo pur fare, no? Giochiamo di più, anche perché forse non abbiamo mai trascorso così tanto tempo in famiglia e con i figli. Ovvia necessità ed ovvia anche la crescita di tutto quello che riguarda questo settore.

Impatto del Coronavirus sul settore Salute

Se proprio devo trovare una parola che racchiuda questo trend, mi viene in mente psicosi. Il settore salute ha riscontrato una crescita su qualsiasi categoria, ma spicca più di tutte quella della vendita di prodotti farmaceutici online.

Impatto del Coronavirus sul settore Casa e Giardino

Crescita veramente notevole, ma anche prevedibile: siamo a casa, come impegniamo un po’ del tempo libero? Rendiamo la casa più bella, curiamo il giardino, insomma facciamo tutto quello che ci era difficile fare quando dovevamo uscire di casa alle 7:00 per rientrare alle 19:00.

Impatto del Coronavirus sul settore Internet e Telecomunicazioni

Anche in questo caso la crescita era ovvia, trattandosi di uno dei settori con più ricerche sul web: avendo più tempo a disposizione, non potevano che amplificarsi ancora maggiormente l’interesse ed il tempo dedicato alle ricerche.

Impatto del Coronavirus sul settore Legge e Politica

In questo periodo turbolento, l’interesse per la politica è cresciuto notevolmente, perché gli utenti hanno bisogno di ascoltare quello che il nostro Governo ha da comunicare ed i più bisognosi sono alla ricerca di leggi, decreti e agevolazioni per chi si trova in gravi difficoltà di qualsiasi tipo.

Impatto del coronavirus sul settore News e Media

Il settore delle notizie e dei media in genere mostra lo stesso andamento di molti altri settori. L’interesse si è spostato verso gli unici aspetti “fruibili” da chi è chiuso in casa fino a data da destinarsi, mentre calano notevolmente le categorie che riguardano aspetti che, al momento, sono diventati quasi irrilevanti, se non per stendere il bucato, come per il meteo.

Le notizie sportive hanno subito il maggior calo ma era prevedibile perché di notizie non ce ne sono affatto.

Impatto del Coronavirus sul settore Persone e Società

Gli interessi personali, di qualsiasi tipo essi siano, hanno riscontrato una crescita di interesse ma, sfortunatamente, il distanziamento sociale si fa notare con un calo del 26% sul settore delle relazioni e degli incontri.

Impatto del Coronavirus sul settore Animali

Ebbene sì, i nostri animali non hanno mai avuto così tanta compagnia ed attenzioni come in questo periodo e i dati lo dimostrano chiaramente. 🙂

Impatti del Coronavirus sul settore Shopping

In Cina, quando si è arrivati alla fase 2 e le persone hanno iniziato ad uscire nuovamente di casa, si è iniziato a parlare del termine “revenge shopping”, dell’acquisto compulsivo post coronavirus. Le persone hanno speso l’impossibile colmando la propria crisi d’astinenza da shopping.

In Italia probabilmente abbiamo iniziato in anticipo ed acquistiamo qualsiasi cosa online, e infatti il mondo ecommerce, anche i piccoli venditori, ha riscontrato un boom di vendite mai visto.

Tra le categorie di shopping in calo solo l’abbigliamento (ci serve poco?), i fiori e la vendita di prodotti usati, probabilmente come forma ulteriore di distanziamento sociale (chi vuole prodotti usati e spediti da uno sconosciuto?).

Impatto del coronavirus sul settore Sport

Come potete notare, le categorie “impraticabili” hanno subito un fortissimo calo, in primis il calcio, ma gli sport individuali o che garantiscono una sorta di isolamento/distanziamento continuano a riscuotere interesse per l’immediato o per un futuro prossimo.

Impatto del coronavirus sul settore Viaggi

Come era facile aspettarsi, è l’unico settore completamente in negativo con ogni sua categoria, un crollo totale sotto ogni aspetto.

Questo è uno dei settori che porto maggiormente nel cuore e non vedo l’ora che torni a macinare ricerche come non mai.

Impatto del Coronavirus sul settore Adult

Incredibile, vero? Tutti in casa ed il settore Adult subisce un calo? Ci sono due interpretazioni: una ottimistica (la mia), per cui la coppia si riunisce, passa più tempo insieme e non ha assolutamente bisogno di “svago” in formato video.

La seconda ipotesi, più divertente, è che in molti avranno troppe persone tra i piedi per poter coltivare la propria passione proibita. 🙂

Le valutazioni finali sullo studio

Ho chiuso questo studio scherzando, forse anche per tirare un sospiro di sollievo dopo aver combattuto con milioni di keyword e dati che spesso mi sembravano “strani” ma che in realtà, se ci riflettiamo bene, rispecchiano esattamente quello che tutti stiamo vivendo in questi giorni difficili.

Il web è cambiato, le esigenze sono cambiate, i volumi di ricerca sono lievitati in qualsiasi settore, è un momento difficile ma quando si parla di SEO e di marketing in genere c’è anche da constatare che si tratti di un periodo ricco di opportunità che possono, e devono, essere colte.

Noi di SEOZoom facciamo veramente tanta attenzione ai dati che vi forniamo: speriamo vivamente che questa analisi possa risultarvi utile per comprendere le nuove dinamiche che si sono sviluppate in questo periodo ed il repentino cambiamento dei focus delle ricerche degli utenti, dei nostri clienti.