Qual è lo stato della SEO oggi? Quali sono le principali sfide per chi opera in questo settore? Quali le maggiori difficoltà incontrate, anche a causa delle mosse di Google? Questi sono solo alcuni dei temi che saranno al centro di The World Search Marketing Conference + Expo, o più semplicemente di SMXL Milan 2021, l’ormai tradizionale appuntamento con la due giorni di formazione SEO, SEM, Advertising e Social Media che mette insieme alcuni tra i migliori esperti di marketing digitale al mondo.

SMXL 2021, le date dell’evento

Anche quest’anno proposto in forma live streaming, l’evento milanese si terrà nei giorni 11 e 12 novembre e mantiene il format già usato in occasione delle ultime edizioni del 2020 e del 2019: ovvero, tre diversi chairmen a guidare le SMXL parallel session. La novità è rappresentata dal debutto di Rudy Bandiera per le sessioni su social media, mentre restano confermati Gianpaolo Lorusso per Paid e il CEO di SEOZoom Ivano Di Biasi per il tema SEO.

Negli ultimi anni SMXL Milan ha coinvolto oltre 10.000 partecipanti e 1.500 speakers, guadagnandosi un ruolo centrale tra gli eventi di formazione digital a livello europeo grazie a track session su SEO, SEM, Social Media, Analytics, Web Marketing, CRO che permettono di approfondire e acquisire skill, tecniche e strumenti di lavoro più efficaci e utilizzati a livello internazionale, grazie anche al confronto con grandi esperti e specialisti del web marketing.

I protagonisti SEO a SMXL 2021

E andiamo quindi a scoprire alcuni dei grandi protagonisti di SMXL 2021, e in particolare quelli che animeranno le sessioni SEO gestire da Ivano Di Biasi.

A inaugurare l’evento sarà l’intervista a Barry Schwartz, CEO di Rustybrick e soprattutto tra i più noti osservatori e divulgatori di SEO (è il founder di Search Engine Roundtable e collabora con Search Engine Land, dopo aver lavorato in precedenza per Search Engine Watch), che risponderà a una serie di domande su vari temi legati al presente e al futuro del lavoro di “ottimizzazione per i motori di ricerca”.

Seguiranno altri interventi di rilievo, grazie a un parterre formato, tra gli altri, da Victor Karpenko (CEO di SEOPROFY), Irina Serdyukovskaya, Simon Schnieders (Founder di Blue Array SEO), Dan Taylor, Stan Lenzen, Aleyda Solis, Jason Barnard, Veruska Anconitano, Gianluca Fiorelli; e poi, ancora, Flavio Mazzanti, Massimo Giacchino, Marco Ronco, Elia Zanon, William Sbarzaglia, Verdiana Amorosi, Filippo Sogus, Alessio Pomaro, Emanuele Arosio e la nostra Elisa Contessotto, tutti nomi che dovrebbero essere familiari anche a chi frequenta la nostra community social e i webinar dell’Academy di SEOZoom.

A loro faranno compagnia, nelle sessioni parallele, altri esperti del calibro di Ginny Marvin (recentemente nominata Google Ads product liaison, ovvero voce pubblica per il Paid sul motore di ricerca), John Lee di Microsoft Advertising, Andrea Cruz Lopez, Susie Marino, Aaron Levy, Julia Riml, Lars Maat, Pauline Jakober, Anu Adegbola e tanti altri ancora.

I temi di SMXL 2021: la SEO oggi e le sfide del futuro

Nella creazione del programma per la sessione SEO, Ivano Di Biasi ha cercato di legare gli interventi con un filo rosso comune, partendo da un assunto – “La SEO è una materia semplice e multidisciplinare in un ecosistema complesso e variabile” – per aprire al dialogo e al confronto con 20 professionisti nazionali e internazionali, che porteranno il loro bagaglio di esperienza e competenza in contesti e rami differenti per provare a definire delle buone pratiche a cui far riferimento nel lavoro di tutti i giorni.

Il percorso immaginato servirà quindi a comprendere quale è oggi lo stato della SEO, ma anche quali sono le sfide quotidiane che si affrontano sui motori di ricerca nelle tre aree principali dell’attività (onpage, onsite, offsite), parlando quindi di geolocalizzazione e di attività internazionali, di studio delle entità, di ricerca semantica, intent match e di knowledge panel per i brand, ma anche dell’importanza di intercettare i trend in modo tempestivo e di sfruttare le opportunità grazie ai dati e agli insights analitici, di mettere il sito al sicuro da errori tecnici di scansione o da problemi che rendono negativa l’esperienza utente, fino al tentativo di sfatare alcuni dei miti e delle credenze che ancora aleggiano nei confronti di questa materia.