Il nostro spazio ormai abituale con i case study di SEOZoom vede oggi protagonista Marco Aurelio Cutrufo, specialista della reputazione digitale certificato per persone e aziende – che peraltro abbiamo già avuto di incontrare proprio in un approfondimento dedicato alla brand reputation, materia in cui è esperto – che ha voluto sottoporre a tutta la community un caso di successo ottenuto dalla sua azienda Workengo.it al servizio del cliente dbnmedicalgroup.com, il sito web di un Centro Medico Specializzato in medicina estetica e Alimentazione attivo nella città di Roma.

La situazione prima dell’intervento

La descrizione precedente all’intervento di consulenza ci permette di capire in che stato versasse il sito web del centro che, come ci spiega Cutrufo, aveva:

  • Meno di 7 visite al mese e non in target
  • Valori di ZA=1; TRUST=N/A;STABILITY= N/A; OPPORTUNITY= N/A.
  • Dominio non era posizionato per nessuna parola chiave pertinente al settore.
  • Dominio che non generava lead.

In termini più analitici, lo studio medico era inesistente da un punto di vista competitivo nel mercato e in particolare non aveva visibilità organica; in particolare, il sito non forniva contenuti di approfondimento nella materia, che potessero attirare l’interesse di un target selezionato, e dal punto di vista tecnico era inoltre obsoleto e non completamente funzionante. Tutto questo contribuiva a creare una percezione bassissima del brand, che però non corrispondeva alla reale qualità e prestigio dei professionisti dello studio medico romano.

I risultati a 8 mesi dall’inizio dei lavori

In appena cinque mesi – e con massima efficacia a distanza di otto mesi dall’inizio dei lavori – i risultati sono diventati già visibili, con miglioramenti sensibili in diverse aree. In particolare, ci dice Cutrufo, in questo periodo:

  • Il volume di traffico ha raggiunto quota 2000 al mese, con picchi di 3000
  • I valori sono passati a ZA= 35; TRUST= 37; STABILITY= 32; OPPORTUNITY= 33.

Schermata di SEOZoom per il sito medico

Analizzando in maniera più ampia gli effetti della consulenza, il sito web è riuscito a posizionarsi sia per short keyword (es. asportazioni nei ) che per long tail keyword (es. centri epilazione laser roma) di settore e di nicchia, superando il 90% dei competitor diretti e organici anche a livello nazionale e ottenendo il 43% delle keyword posizionate in prima pagina su Google.

Inoltre, per alcune keyword specifiche legate a trattamenti di punta, lo studio medico appare in posizione 1 anche su Youtube, come nel caso della query “lifting non chirurgico roma” per cui è ben posizionato un contenuto creato ad hoc. Grazie poi a una campagna di link building e digital PR, lo studio medico è stato citato su oltre 10 testate e blog autorevoli nella materia, mentre la strategia di content creation attuata con l’ideazione di un blog di approfondimento (che presenta ad esempio consigli per i pazienti) permette al sito di intercettare traffico in target in modo organico generando lead.

Questi sono solo alcuni dei risultati ottenuti dagli articoli creati e ottimizzati secondo le direttive di Workengo:

Rendimento articoli del sito

I principali effetti del lavoro di consulenza

Grazie al lavoro di consulenza supervisionato da Cutrufo, lo studio medico ha raccolto una serie di risultati concreti dall’applicazione della strategia, e in particolare:

  • Il posizionamento ottenuto su Google è abbastanza stabile nel tempo e permette allo studio di risparmiare risorse che possono essere reinvestite in altre attività di marketing.
  • Il brand viene percepito come molto più utile e autorevole presso il suo target di riferimento.
  • Ottiene lead in target interessati.
  • Il gap tra qualità reale e percepita è stato colmato, restituendo onore e autorevolezza ai professionisti che operano nello studio medico.
  • Riesce a ricoprire posizioni prestigiose nella SERP, contendendo il terreno ai suoi competitor.
  • Il suo potere negoziale è divenuto più forte con una reputazione migliorata.

La strategia usata per rilanciare il sito

In concreto, la strategia di rilancio del sito è stata piuttosto ampia e ha coinvolto diversi ambiti di ottimizzazione e strumenti. Come racconta Marco Aurelio, si è basata in particolare su:

  • Esecuzione di una ricerca di mercato a livello nazionale e poi con focus su alcuni benchmark americani per progettare il restyling più efficace e moderno del sito web.
  • Migrazione del sito web su web hosting performante Siteground e piattaforma WordPress per poter avere la massima versatilità nella creazione e implementazione di funzionalità e prestazioni del sito nuovo, compatibilmente con le best practice SEO.
  • Riprogettazione di user experience e veste grafica, per rinnovare il brand creando il naming e il logo, attuata dal web designer di Workengo con il supporto del reputation manager Marco Aurelio Cutrufo.
  • Analisi del settore medico per applicare le regole di marketing in maniera compatibile al codice deontologico e per identificare il comportamento medio dell’utente paziente.
  • Analisi dei bisogni principali del cliente, comprendendo quali trattamenti e tematiche il brand dovesse padroneggiare a livello comunicativo per intercettare traffico interessato.
  • Esecuzione di keyword research con SEOZoom per individuare keyword di settore short e long, concentrandosi su quelle con meno competizione, più volume di ricerca e più opportunità.
  • Uso di SEOZoom per monitorare e studiare i competitor diretti e organici, per individuare nuovi termini di ricerca e aggredire nuove keyword strategiche per iniziare a competere sul serio organicamente.

Quando finalmente è stato pubblicato il sito nuovo, veloce e strutturato in ottica SEO, è stata aperta una sezione blog per articoli di approfondimento specifici, che hanno raggiunto spesso la prima pagina su Google. Inoltre, per potenziare il sito web e raggiungere la prima pagine e le prime posizioni nel più breve tempo possibile è stata avviata una minuziosa e strutturata campagna di digital PR e link building, che ha fornito riscontri risultati importanti.

In definitiva, dice Cutrufo, il monitoraggio, la scrittura degli articoli in ottica SEO, la manutenzione del sito e dei contenuti, la selezione delle fonti autorevoli che linkavano il sito web ma soprattutto la strategia e lo studio iniziale hanno dato i loro frutti, portando il sito a un livello completamente diverso di qualità e percezione, sia degli utenti che del motore di ricerca.