Ottimizzare pagine web centrando le intenzioni di ricerca – URL Search Intent Tool

Provaci
Mettici alla prova
Analizza il tuo sito
Seleziona la lingua del database:

Sono passati solo pochi giorni da quando abbiamo rilasciato la funzionalità che vi permette di scoprire le intenzioni di ricerca degli utenti dietro ad ogni singola parola chiave. 
La funzionalità è di grandissima utilità se stiamo pianificando di scrivere degli articoli nuovi ed infatti l’abbiamo integrata celermente anche all’interno dell’assistente editoriale. Ma se invece avessimo già pubblicato le nostre pagine? Se volessimo capire se abbiamo centrato le intenzioni di ricerca dei nostri utenti partendo da una URL esistente?

Questa è un’esigenza molto comune, tutti abbiamo pagine web scritte in passato, magari senza avere a disposizione strumenti evoluti come SEOZoom e l’assistente editoriale e vorremmo fare in modo che ottengano più risultati colmando le loro carenze.
Partendo da questa esigenza, abbiamo realizzato un nuovissimo strumento in grado di analizzare una URL e capire per quale Search Intent sia stato scritto il suo contenuto.

Per identificare il Search Intent di una pagina web, SEOZoom prova prima ad identificare il Topic per poi scomporlo ed individuare la Main Intent Keyword. Se la pagina web non è posizionata per alcuna parola chiave, allora identificarne l’intent sarà praticamente impossibile.

Identifichiamo la Main Intent Keyword

Di cosa parla l’articolo ospitato sulla URL selezionata?

Nella prima parte dell’analisi viene identificata la Keyword principale per il Search Intent della pagina e vengono mostrate informazioni sul suo volume di ricerca, sulla sua stagionalità e sull’andamento del volume di ricerca legato ai trend del momento.

Intent Match
Nel secondo riquadro viene mostrata una percentuale che indica quanti degli argomenti che completano il Search Intent siano stati centrati dal contenuto presente nella pagina analizzata. Nell’immagine vediamo che la pagina ha centrato 53 keyword su 69 (76.81%), questo vuol dire che il contentuo ha preso in considerazione gran parte degli aspetti che interessano agli utenti e quindi Google l’ha premiata adeguatamente.

Competitività URL
Il terzo riquadro ci mostra invece quanto sia competitivo il contenuto presente all’URL indicato. In immagine potete notare un’altissima competitività della pagina in quanto prova a competere per un volume di ricerca di 21.060 ricerche mensili su un totale di 22.010 disponibili, quindi con