WMF23: tre giorni di emozioni incredibili

Iscriviti alla newsletter

Sala piena e molto partecipata, tanti visitatori allo stand per chiedere informazioni e ricevere dimostrazioni sulla suite in tempo reale, gadget volati via in pochissime ore e poi tanti sorrisi, abbracci ed emozioni: i tre giorni del We Make Future di Rimini si chiudono per noi con un bilancio decisamente positivo sotto tutti gli aspetti, e siamo sicuri che simili siano le sensazioni di chi ha vissuto l’evento insieme a noi.

Lo Stage SEOZoom al WMF23: di cosa abbiamo parlato

Partiamo subito dal resoconto della giornata di venerdì 16 giugno, interamente dedicata al nostro “evento nell’evento”, che è riuscita a riempire a lungo la sala Olivetti (ben 400 posti a disposizione): abbiamo cercato di rendere i nostri interventi ancora più diretti e pratici, adattandoci al format della manifestazione con casi studio, strategie ed esempi pratici per condensare tutto quello che bisogna sapere sui temi più importanti per un progetto web, e i riscontri ottenuti ci fanno sperare di aver fatto centro!

Ad aprire i lavori è stato Ivano Di Biasi, che ha raccontato un po’ di curiosità sulla nascita stessa di SEOZoom, svelando qualche retroscena e storia “dietro le quinte” legati appunto allo sviluppo e al debutto della suite. Comprendendo lo spirito iniziale che ha guidato la creazione dei vari tool, infatti, può risultare più semplice approcciare agli strumenti e applicarli concretamente alle strategie di ottimizzazione di un sito: in effetti, SEOZoom nasce proprio per semplificare le operazioni della Web Agency SEO Cube, automatizzando una serie di processi di analisi e di ricerca che, fatti a mano, richiedevano troppo tempo e impedivano all’agenzia stessa di lavorare su più commesse in maniera sempre efficace.

È toccato poi a Giuseppe Liguori scendere in dettagli più tecnici e “sul campo”: nel suo intervento, il nostro CTO è riuscito ad accompagnare il pubblico in un “SEO Audit step by step“, individuando tutte le aree critiche del sito, da quelle tecniche a quelle strategiche, che bloccano il potenziale di un progetto. Il primo passaggio è “non avere paura” del SEO Audit, perché dietro questa espressione così tecnica e spaventosa si nasconde una sorta di check-up completo per un sito web, che può appunto aiutarci a capire perché il nostro sito non sta ottenendo il traffico che desideriamo o perché non stiamo raggiungendo gli obiettivi prefissati.

Molto apprezzato è stato anche lo speech di Elisa Contessotto, che ha condiviso i suoi 5 semplici esercizi quotidiani per tenere un sito in forma e allenato: in particolare, dobbiamo costantemente sviluppare i muscoli che permettono al nostro progetto di essere forte (in grado di combattere con i competitor), agile (in grado di adattarsi ai cambiamenti interni ed esterni) e flessibile (pronto a creare connessioni sempre nuove), e la nostra Elisa ha raccontato quali sono i passaggi/esercizi necessari per ognuna di queste operazioni.

Non si poteva non parlare di Intelligenza Artificiale, tema più che caldo degli ultimi mesi in tantissimi ambiti professionali, comunicazione e SEO inclusa: Gennaro Mancini ha quindi cercato di fare chiarezza sul tema, definendo che cos’è l’intelligenza artificiale generativa, quali ne sono opportunità e possibili svantaggi e pericoli, per poi dimostrare in che modo può concretamente supportare l’attività di scrittura di contenuti per un sito. Nel suo intervento, infatti, ha presentato i risultati di un caso studio eseguito nei mesi passati qui sul blog, rivelando i rendimenti ottenuti da articoli scritti interamente tramite AI e quelli, invece, raggiunti dopo un lavoro di ottimizzazione dei contenuti vecchio stile, con intervento diretto del copy.

Per l’ultimo intervento è tornato sul palco Ivano Di Biasi, che ha voluto affrontare il tema della link building senza i pregiudizi che ormai accompagnano spesso questa attività: se ben eseguita, infatti, la fase di outreach è una delle più importanti per un sito web, perché serve a consolidare la presenza digitale e a dimostrare a Google l’autorevolezza per un topic. Ma, appunto, è necessario stare alla larga da strade semplici e dalla tentazione di lanciarsi solo nell’acquisto rapido di link: anche in questo caso, si parla sempre di strategia dietro ogni collegamento (o menzione) che riusciamo a conquistare.

Uno stand sempre vivace

E se lo Stage SEOZoom ci ha coinvolto “solo” nella giornata di venerdì, ben più attivo (e impegnativo) è stato il lavoro allo stand SEOZoom, dove il nostro team ha incontrato amici, utenti e curiosi interessati a conoscere qualcosa sulla suite (e anche sulle promozioni riservate ai partecipanti alla fiera) o a ricevere uno dei nostri bellissimi gadget, che infatti sono andati esauriti in pochissimo tempo!

Dalla mattina di giovedì 15 giugno fino al pomeriggio inoltrato di sabato 17 non ci siamo mai fermati, in pratica: abbiamo fatto demo live della suite, abbiamo raccontato le ultime novità tra le feature, abbiamo spiegato che cos’è SEOZoom a chi non ne aveva mai sentito parlare o a chi aveva provato solo altri software (ed era intenzionato a cambiare), abbiamo risposto a domande tecniche sull’utilizzo degli strumenti, dato consigli e tanto altro ancora. Tra le note più liete ci fa piacere citare anche l’interesse riscontrato presso un’utenza internazionale – quest’anno il WMF ha puntato molto sull’apertura ai partecipanti stranieri, e le visite al nostro stand hanno dimostrato che l’azione ha funzionato – che ha potuto scoprire il funzionamento della suite anche sui database stranieri grazie all’ottimo supporto fornito dalla nostra assistenza internazionale, così come tanti sono stati i “mi piace”, le condivisioni, i commenti e i post arrivati dai canali social, attraverso cui abbiamo raccontato vari angoli di queste giornate.

Ma, al di là dell’aspetto legato puramente al “lavoro”, è stato davvero un piacere vedere e quasi toccare con mano l’attenzione che c’è verso il nostro SEOZoom, ricevendo attestati di apprezzamento e di affetto da chi lo usa ogni giorno.

Come ha scritto Elisa sui social, cerchiamo di lavorare e di costruire qualcosa ogni giorno con energia, competenza, passione: è un’emozione immensa vedere che tutto l’impegno crea un flusso virtuoso di reciprocità, e le parole e i gesti di stima che abbiamo ricevuto saranno linfa vitale nei prossimi mesi per continuare a creare insieme qualcosa di bello.

Prova SEOZoom

7 giorni di Prova Gratuita

Inizia ad aumentare il tuo traffico con SEOZoom!
TOP