Ciao a tutti,

questo non è un vero e proprio Post ma un momento di condivisione con voi utenti (e non) di alcune informazioni che ritengo vadano assolutamente condivise perchè, nel velocissimo mondo del web, svaniscono nel nulla e se ne perde traccia nel tempo.

Chi ci ha seguiti dall’inizio sa bene che SEOZoom è nato come “avventura”, molti hanno definito SEOZoom un azzardo, considerando che ci saremmo andati a scontrare con colossi internazionali. Chi non potrebbe essere stato d’accordo con loro? In realtà lo eravano anche noi, era un vero e proprio azzardo, ma eravamo consapevoli delle nostre potenzialità, della validità delle nostre idee e delle carenze di quelli che non potevamo neanche minimamente considerare competitor, sarebbe stato troppo presuntuoso.
Si trattava di un investimento enorme di denaro e risorse per poi provare a scontrarsi con i tanti Golia che dominavano il mercato internazionale, e molto probabilmente, ne saremmo usciti decisamente sconfitti, ribadisco, era decisamente un azzardo, una follia.

A distanza di tre anni il piccolo Davide SEOZoom non solo ha conquistato i cuori dei tanti SEO Italiani, di agenzie SEO e grandi Brand nazionali che ci attribuiscono parte del merito del loro successo su Google, ma è stato anche fonte di ispirazione per i colossi, precedentemente menzionati, che ormai seguono a ruota ogni singolo aggiornamento di SEOZoom.
Possiamo dire senza falsa modestia di essere diventati, direttamente o indirettamente, i Trend Setter dei SEO tool a livello internazionale, si stanno adeguando tutti realizzando i Tool da noi inventati e forniti con almeno un anno di anticipo nel nostro piccolo mercato, l’Italia.
All’estero hanno fatto sicuramente una bella figura portando innovazione, ma ci tengo che in Italia si sappia da dove vengano le idee. Da nottate passate a pensare cosa potesse essere utile per i professionisti come me, per i miei colleghi, per i miei utenti.

Ma veniamo al dunque, rimanere sul vago non serve a nulla, quindi ci tengo ad elencarvi tutte le mie personali idee, realizzate in SEOZoom, che sono state fonte di ispirazione per i colossi internazionali, tool che ora trovate in svariate Suite ma fortunatamente non è stata colta l’essenza dell’idea originale, in realtà se l’idea non è tua non hai una visione di insieme sul perchè sia nata l’idea stessa, quindi si tratta del tipico Made in China che fa tanto accapponare la pelle a noi sostenitori del Made in Italy.

Innovazioni di SEOZoom

  1. Ricchezza del database di Keyword
    Fino a prima dell’uscita di SEOZoom, i vari SEO Tool lavoravano, e fornivano stime, su Database di Keyword che si attestavano sui 12.000.000 di parole chiave di media. SEOZoom, al suo lancio, aveva già un obiettivo preciso: Non essere limitato ad una manciata di parole chiave. Ebbene si, 12 milioni di keyword, se divise per ogni settore specifico rappresentano una manciata di keyword. Infatti SEOZoom è uscito sul mercato con 32.000.000 di parole chiave e ad oggi supera il MILIARDO di parole chiave! I competitor hanno iniziato a rincorrerci incrementando il numero di keyword, ma questo era prevedibile, ed alcuni, non riuscendo a starci dietro hanno giocato una carta a mio avviso scorretta nei confronti degli utenti, quella di espandere il numero di risultati per ogni singola keyword. Questo cosa comporta? Semplicemente un numero maggiore di keyword individuate nelle panoramiche dei domini, anche se in realtà il database era sempre lo stesso, si era solo scavato più a fondo fornendo dati di scarso valore agli utenti. Questo è alla base del marketing, non importa che tu sia il migliore, l’importante è che gli utenti lo credano… Beh a noi questa filosofia non piace tanto quindi continueremo ad arricchire il database e fornire solo dati di valore.
  2. SEOZoom apre l’Academy
    Due anni fa decidiamo di aiutare i nostri utenti nella loro crescita professionale, quindi apriamo la nostra Academy all’indirizzo academy.seozoom.it
    Detto fatto, iniziano a pullulare decine di domini academy.qualcosa, anche questa volta siamo stati fonte di ispirazione, vi assicuro che prima della nostra iniziativa c’era il vuoto totale.
    Buttiamo giù il boccone e facciamo finta, ancora una volta di essere felici di essere fonte di ispirazione.
  3. Il Search Intent di SEOZoom
    Ancora una volta, nelle mie tante nottate insonni, vengo assalito da varie idee tra cui quella di provare ad identificare le intenzioni di un utente (Buyer Persona), quando effettua una ricerca su Google.
    Improvvisamente, come accade a Neo in Matrix, mi compare davanti un algoritmo in grado di capirlo. Il giorno dopo corro in ufficio e lo realizzo, e c’è da dire che SEOZoom era ancora in Beta, non eravamo ancora sul mercato. Eravamo gli unici al mondo ad aver messo le intenzioni di ricerca in un Tool.
    Ricordo ancora lo stupore dell’amico Rand Fishkin quando gli spiegai come avevo fatto 🙂 Lui è testimone della nascita del primo tool in grado di individuare le intenzioni di ricerca degli utenti.
    Ad oggi svariati Tool forniscono uno strumento per l’analisi del Search  Intent, ma vi assicuro che i risultati più attendibili li fornisce SEOZoom, l’ideatore di tale algoritmo.
  4. Basta keyword, monitoriamo a pagine, porto il mio metodo di sempre
    Un giorno dissi a Giuseppe Liguori, il mio socio e co-fondatore di SEOZoom, vogliamo mettere in SEOZoom il nostro metodo di lavoro? Da anni abbiamo abbandonato il lavoro sulle keyword e lavoriamo sul rendimento delle pagine, nessun Tool al mondo offre una cosa del genere, fanno tutti da banali Rank Tracker.
    Dopo l’ok di Giuseppe, ci mettiamo al lavoro e la nostra nuova invenzione prende forma, SEOZoom è l’unico strumento al mondo ad offrire una visione del rendimento di un sito web non più basata sul posizionamento di parole chiave ma sul rendimento di ogni singola pagina web del sito.
    Ci sono voluti solo 8 mesi prima che altri prendessero ispirazione dal nostro metodo innovativo ed introducessero anch’essi un monitoraggio a Pagine. Ad oggi sono svariati i tool internazionali che utilizzano questa metodologia, ma è giusto che si sappia che tutto ciò è nato in casa SEOZoom.
    Wow che bello il Made in Italy ispira i SEO Tool internazionali 🙂 Voi quanto sareste contenti? Il mio ego un pochino lo è ma non riesco a capire perchè non riesca ad esserne poi così realmente contento a conti fatti.
  5. Strumenti per la scrittura SEO Oriented (Assistente Editoriale)
    In un’altra delle mie notti di riflessione provo a stilare una panoramica delle professionalità di chi dice di fare SEO in Italia ed improvvisamente vedo la luce e dico: “Cavolo, ma questi non sono dei veri e propri SEO, almeno per come intendo io la disciplina, sono dei Copywriter che riescono ad ottenere dei risultati organici grazie allo studio dei contenuti!”
    Racconto tutto al mio socio e dico: “Non esiste un solo strumento al mondo che aiuti questa tipologia di professionisti ad ottenere ancora di più dalle loro attività! Lo facciamo in SEOZoom?”
    Dopo un mese di lavoro ecco che nasce l’Assitente Editoriale di SEOZoom, ancora una volta era l’unico al mondo e voi amici italiani siete stati i primi ad avere qulcosa del genere a disposizione. Per quanto si ammiri e si invidi la scena SEO internazionale, da questo punto di vista posso decisamente dire che siamo avanti.
    Questa funzionalità è stata, recentemente, fonte di ispirazione per vari Tool internazionali che l’hanno realizzata, anche nella versione WordPress (voi la usate da 2 anni) ed ora la pubblicizzano come se non ci fosse un domani su ogni canale social come se fosse la scoperta del secolo.
    Beh cari amici di SEOZoom, voi la utilizzate da più di due lunghi anni, è questo il valore che il nostro Team può offrirvi, originalità, ricerca, innovazione e l’arrivare sempre prima degli altri. Il nostro Research Team, capeggiato da me, non dorme la notte per creare sempre qualcosa di nuovo ed esclusivo.
  6. Piano Editoriale
    Normale evoluzione dell’Assistente editoriale è stato il nostro strumento per la gestione del Piano Editoriale. Una suite parallela a SEOZoom che fornisse agli editori o a Blogger la possibilità di avere il controllo totale della pianificazione dei contenuti di un sito web, dei rapporti con i Copywriter, ma soprattutto la possibilità di monitorare il rendimento di tutto ciò che venisse pubblicato. Al momento rimaniamo gli unici ad offrire una soluzione del genere, ancora una volta si tratta di un’innovazione made in SEOZoom ma non mi stupirei se nei prossimi mesi qualche altro tool uscisse con una soluzione simile.
    I primi segnali arrivano da note piattaforme dove è possibile acquistare testi scritti da copywriter, sono state introdotte funzionalità di keyword research, anche se molto rudimentali, ma ancora una volta “ispiriamo”, però credo sia arrivato il momento di farci ispirare anche noi, quindi a breve, in SEOZoom, potrete acquistare articoli scritti in ottica SEO da veri professionisti del settore. Apriremo un marketplace di contenuti che metta in comunicazione Aziende, Editori, Blogger con Copywriter di altissimo profilo che possano portare traffico alle vostre propery web con articoli ottimizzati SEO con gli strumenti di SEOZoom.

SEOZoom, nuovi strumenti in arrivo

Quando abbiamo realizzato la sezione di monitoraggio a Pagine, in realtà avevamo un progetto molto più interessante in mente ma ci siamo dovuti accontentare di quella tipologia di Tool perchè era ancora troppo presto per poter arrivare a quello che ci frullava per la testa.
Fortunatamente ad oggi siamo in grado di completare il nostro progetto e la sezione “Pagine” di SEOZoom è in fase di “ristrutturazione”. Quello che ne verrà fuori, secondo me, ha un valore inestimabile perchè sarà esattamente quello che avevo in mente qualche anno fa! La nuova sezione vedrà la luce tra meno di un mese e sono sicuro che ne carpirete senza alcuna difficoltà il valore e la differenza con la vecchia sezione.
Probabilemente tra qualche mese la potreste trovare anche in altri Tool, siamo sotto continua osservazione (come confermato da persone che lavorano per altri tool), ma proveremo ad essere sempre i primi ad innovare, ad inventare, ad ascoltare gli utenti e a produrre valore per il mercato italiano, crediamo nel Made in Italy, abbiamo una marcia in più!