Glossario
Torna alla lista Torna alla lista

Usabilità

L’usabilità è un concetto chiave nel design di siti web e applicazioni, che si riferisce alla facilità con cui gli utenti possono utilizzare un prodotto per raggiungere i propri obiettivi.

L’usabilità è determinata da fattori come la chiarezza della navigazione, la velocità di apprendimento, l’intuitività dell’interfaccia, la minimizzazione degli errori e la soddisfazione generale dell’utente. Ci sono diversi e specifici test di usabilità che servono a verificare il livello di semplicità di utilizzo del prodotto, come ad esempio la valutazione euristica, che fornisce un feedback mirato e azionabile che può guidare le modifiche al design ed è molto impiegato per migliorare i siti e-Commerce.

Teorie come quelle di Jakob Nielsen e Donald Norman hanno contribuito a definire i principi fondamentali dell’usabilità, enfatizzando l’importanza di progettare con l’utente in mente.

Secondo queste riflessioni, l’usabilità di un sito web è determinata da una serie di fattori che insieme contribuiscono a creare un’esperienza utente efficace, efficiente e soddisfacente; questi fattori includono la facilità con cui un utente può navigare nel sito, comprendere il contenuto e interagire con le varie funzionalità offerte. Alcuni dei principali fattori che influenzano l’usabilità sono:

  • Chiarezza della Navigazione. La struttura del sito dovrebbe essere logica e intuitiva, con un menu di navigazione chiaro e facilmente accessibile che permette agli utenti di trovare rapidamente ciò che cercano.
  • Design Consistente. Un design coerente in tutto il sito aiuta gli utenti a familiarizzare con l’interfaccia e a utilizzare il sito con maggiore sicurezza.
  • Velocità di Caricamento. Le pagine dovrebbero caricarsi rapidamente per non frustrare gli utenti e incoraggiarli a rimanere sul sito.
  • Leggibilità del Contenuto. Il testo dovrebbe essere facilmente leggibile, con un uso appropriato di font, dimensioni del testo e contrasto dei colori.
  • Interattività e Feedback. Gli elementi interattivi, come i moduli e i pulsanti, dovrebbero fornire un feedback immediato per confermare le azioni degli utenti.
  • Accessibilità. Il sito dovrebbe essere accessibile a tutti gli utenti, inclusi quelli con disabilità, attraverso l’uso di tecnologie assistive e l’aderenza alle linee guida WCAG.

Più precisamente, le 6 componenti di qualità dell’usabilità identificate da Jakob Nielsen sono:

  1. Utilità. Il sito offre contenuti o funzionalità che sono utili e soddisfano i bisogni degli utenti.
  2. Efficienza. Una volta che gli utenti hanno imparato il design del sito, possono raggiungere i loro obiettivi rapidamente e con facilità.
  3. Apprendibilità. Il sito è facile da imparare, permettendo agli utenti di operare con efficacia fin dal primo utilizzo.
  4. Memorabilità. Gli utenti sono in grado di ritornare al sito dopo un periodo di non utilizzo e riprendere le operazioni senza dover riapprendere tutto da capo.
  5. Errori. Il sito dovrebbe avere un tasso di errore basso, significa che gli utenti non dovrebbero commettere molti errori durante l’utilizzo e, se li commettono, dovrebbero essere in grado di recuperare facilmente.
  6. Soddisfazione. L’uso del sito dovrebbe essere una esperienza piacevole per gli utenti, che si sentono soddisfatti e hanno un’opinione positiva del sito.

Queste componenti sono interconnesse e tutte contribuiscono all’esperienza complessiva dell’utente. Per questo motivo, l’usabilità ha implicazioni significative sulla SEO poiché i motori di ricerca, in particolare Google, tendono a premiare i siti che offrono una buona esperienza utente con un ranking più alto nei risultati di ricerca. Un sito con alta usabilità tende potenzialmente a generare un maggiore coinvolgimento, ridurre il tasso di rimbalzo e aumentare le conversioni, tutti fattori che possono influenzare positivamente la SEO e trattenere gli utenti.