Vuoi aumentare il traffico e le conversioni del tuo e-commerce? Unendo SEO e Email Marketing potrai raggiungere risultati davvero eccezionali!

Ciò che più accomuna questi due ambiti del marketing digitale è la raccolta e l’analisi dei dati. Infatti, per entrambe le strategie, è fondamentale poter misurare le azioni degli utenti per poter ottimizzare e perfezionare le campagne.

Il primo passo che dovrai fare è mettere in comunicazione il tuo e-commerce con la piattaforma di Email Marketing che hai scelto per il tuo business. Una volta collegati, potrai sfruttare i dati che il tuo software per l’invio delle campagne riceve dal negozio online per aumentare le vendite. Potresti, infatti, inviare un reminder automatico con un buono sconto agli utenti che hanno selezionato dei prodotti senza finalizzarne l’acquisto.

Se scegli 4Dem, piattaforma di Email marketing 100% italiana, avrai a disposizione la funzionalità E-commerce Plus: in pochi passaggi, potrai integrarla con WooCommerce, Magento o PrestaShop e iniziare a ottenere informazioni sui tuoi utenti.

Sfruttando al meglio i due sistemi, dunque, riuscirai a far collaborare Email Marketing e SEO, mettendoli l’una al servizio dell’altro.

Ottimizzare contenuti mail

Usa i principi SEO per scrivere Newsletter efficaci

Quando scrivi un contenuto che desideri posizionare su Google, devi dare una certa importanza al title, alla description, ai tag di titolazione H1 e H2 e, ovviamente, alla qualità del contenuto. Questi non sono gli unici elementi utili a scalare la Serp, certo, ma sono gli stessi fattori che troverai – magari con nomi leggermente diversi – nel software di creazione di una Newsletter.

Ottimizza l’oggetto della Newsletter come se fosse il title

È corretto sostenere che nell’Email Marketing l’oggetto della Newsletter svolge una funzione simile al title nella Serp, ovvero convincere l’utente a leggere l’intero contenuto che si trova dietro a quel risultato di ricerca.

Per questo motivo, l’oggetto che inserirai dovrà essere coerente con il contenuto: assicurati di fornire una chiara indicazione di quale sarà l’argomento trattato utilizzando le Keyword principali per attrarre il lettore.

Infatti, un oggetto poco curato potrebbe decretare l’apertura o la non apertura di una email, così come un oggetto troppo promozionale o forzato potrebbe far finire la tua email nello Spam.

Ottimizza il pre header come se fosse il tag description

Il pre header delle Newsletter è il corrispettivo della descrizione che vuoi mostrare negli snippet delle tue pagine. Il pre header è infatti una piccola anticipazione che gli utenti potranno leggere prima di aprire una email.

Dando quindi il giusto peso alle parole che sceglierai di inserire in questo campo, esattamente come faresti nel compilare il tag description, otterrai un aumento del tasso di apertura delle Newsletter (corrispondente al CTR nelle Serp). Questo si tradurrà in maggiori possibilità di conversione.

Imposta il contenuto come se fosse una pagina web

Per quel che riguarda il corpo della Newsletter, dovrai trattarlo esattamente come il contenuto di una pagina web, statica o di blog che sia.

Dovrai quindi fare attenzione ad utilizzare bene i tag h1, h2 e h3 per dare una gerarchia al contenuto. Questo migliorerà la leggibilità, la comprensibilità e la velocità di “scansione” del testo da parte dell’utente.

Premettendo dunque che il tuo utente deve essere in target e il contenuto da te creato deve essere di valore, creando una comunicazione comprensibile e leggibile con una sola occhiata, potrai catturare l’attenzione del lettore. Così facendo, aumenterai le visite sul tuo sito e le potenziali vendite.

Studia il comportamento dei tuoi utenti per potenziare la tua SEO

Dopo aver avviato delle campagne di Email Marketing ben progettate, potrai iniziare a studiare i dati delle email: scoprirai così quali sono i prodotti più cliccati o le categorie più visitate.

Questo tipo di informazioni ti darà delle chiare indicazioni su ciò che piace al tuo target. Potrai cosi aggiungere contenuti che già sai essere apprezzati. In questa maniera riuscirai ad aumentare il traffico, la qualità del traffico e le conversioni sul tuo ecommerce.

Potresti avere queste informazioni analizzando la tua nicchia di mercato, certo, ma sarebbero generiche. Utilizzando questo tipo di dati, invece, avrai notizie precise, capaci di dire esattamente cosa piace al tuo cliente tipo.

Carrello online abbandonato

Recupera i carrelli abbandonati con gli invii automatici

Negli e-commerce ci si trova sempre davanti a dei carrelli abbandonati, ovvero utenti che visitano il sito, selezionano uno o più prodotti e poi lasciano l’e-commerce senza finalizzare l’acquisto.

Con 4Dem potrai impostare degli invii automatici che, sfruttando i criteri che hai appena visto, potranno raggiungere chi non finalizza l’acquisto, aumentando ancora il numero delle conversioni.

Drago di 4dem

Sfrutta le pagine meglio posizionate per popolare le liste

Una buona pratica è fare attenzione nell’inserire form di iscrizione, ben visibili ma non invadenti, nelle pagine del tuo e-commerce e del tuo blog meglio posizionate.

Queste pagine avranno un traffico più alto rispetto alle altre e quindi avranno più possibilità di raccogliere nuovi contatti per popolare continuamente le tue liste di invio. Ecco perché è buona pratica verificare che il form di iscrizione sia presente su ciascuna di esse.